SALVINI – DI MAIO: È STATO SOLO SESSO?

Dunque potrebbe essere stato solo sesso?

Analizzando i reciproci vaffa che si sono scambiati, sembrano proprio due amanti che lavorano nello stesso palazzo: bene le notti di fuoco con incredibili soddisfazioni, ma di giorno le cose non vanno. Hanno entrambi il timore di essere scoperti e trovano, come unica soluzione, quella di litigare. Twitter, Facebook, televisione. Tutto va bene per mettersi in mostra. Mai lasciar troppo spazio all’altro: ne va della carriera.

S: «Dai, non esagerare, sennò stasera non mi tira.»

DM: «Se non te lo farai tirare dirò a tutti che ti sei innamorato della Meloni!»

Più o meno sono questi i discorsi che si fanno tra amanti, ma qui stiamo parlando di due capi politici che dovrebbero governare l’Italia, non certo di due ragazzi in preda agli stimoli ormonali: o no?

La madre di Di Maio, insegnante, ha pensato bene di non portarsi a casa il lavoro, e lui ha pensato (si fa per dire) che lavorare allo stadio sarebbe stato più che soddisfacente. Ora ha come nuova fiamma il Pd e giura che con Salvini è stato solo sesso (protetto oltretutto), niente di veramente serio…

Salvini invece è rimasto folgorato sulla via di Bossi. Il problema è che la folgorazione è stata pesante e gli ha bruciato tutti i neuroni (non è che fossero tanti). Ha visioni confuse, straparla, ripensa alla relazione con Di Maio.

Passata la passione non gli rimaneva altro che tentar di diventare il capo di tutto, ma ha la necessità di un amante, da solo non funzionerebbe bene, e intanto giura che la relazione con Di Maio era solo platonica: «Niente sesso – afferma – e poi lui era anche frigido…»

Queste due mezze calzette sono figlie del berlusconismo. Prepariamoci a un ritorno di Renzi appena sarà andato via Zingaretti, che il recente 18 Luglio affermava che mai sarebbe nato un governo PD/M5S.

Se certe notizie varcassero l’Adriatico arrivando in Africa, il problema immigrazione si risolverebbe da solo. Chi mai, con un minimo di buon senso, verrebbe in Italia?


RIPRODUZIONE VIETATA © BELLIGEA.IT

Il Direttore Giuseppe Bartolucci