STRONCATE DUE FULGIDE CARRIERE

Il sindaco Enzo Ceccarelli ha rinunciato alla candidatura in Parlamento. Così facendo ha stroncato due brillanti carriere: la sua e la mia.

Avrei seguito Ceccarelli in capo al mondo per narrarne e lodarne le gesta. Sarei stato disposto a fargli gratuitamente da portaborse e addetto stampa. Mi sarei fatto una solida reputazione entrando di diritto nel mondo dei grandi giornalisti.

Sarebbe stato divertente scrivere eccellenze su di lui di giorno e stroncarlo di notte su Belligea sotto altro nome. Tanto “di profili falsi ne abbiamo a iosa…” (come scrisse qualcuno).

Ma Ceccarelli no; pur di rovinarmi la carriera ha rinunciato al lauto stipendio di parlamentare. Insomma, mi ha messo in mezzo a una strada. Peccato, gli avrei fatto fare passi da gigante e dopo un breve rodaggio l’avrei talmente esaltato da farlo diventare Ministro, se non addirittura Primo Ministro.

Pensate, potevamo girare in auto blu – blindata ovviamente – avere la scorta, mangiare a sbafo nei migliori ristoranti circondati da belle donne, avere inviti alla prima della Scala, essere ospitati nei più grandi yacht del mondo, voli in aerei privati, tanto pagava pantalone. Missioni nei più bei posti del pianeta soggiornando nei resort più prestigiosi ed esclusivi, essere ricevuti dai potenti della Terra e insigniti delle più importanti onorificenze. Aggiungiamoci anche una corposa liquidazione finale.

Ora, invece, ci ritroveremo tutti e due a pascolar mucche e caprette, magari in quel di Borghi, insieme ad Heydi.

Quando si dice “il dente avvelenato”. Ma la speranza è l’ultima dea, scriveva Foscolo, chissà non ne arrivi un altro.


RIPRODUZIONE VIETATA © BELLIGEA.IT

Il Direttore Giuseppe Bartolucci