La malattia dell’anima, il buio dentro.

dep_1Anima senza respiro spegne la vita con bende stirate sul cuore pulsante di battiti mortali.

Il cielo non esiste, oscurato da nubi di nulla che si appiccicano vischiose come miele insapore.

Voglio poter gridare per sentire ancora una volta la mia voce.”

La depressione è una malattia tra le più devastanti dell’era moderna perché costringe l’uomo che ne è afflitto ad una condizione di prigionia del corpo dovuta ad un mal funzionamento dei processi psichici.

Alcune delle paure personali vengono a galla a soffocare le sensazioni più naturali e positive di un individuo riducendolo, spesso, ad un automa incapace di reagire e di espletare le funzioni normali che appartengono ad un essere umano. Pur spaventati dall’insorgenza di malattie nel corpo, in realtà non vi è alcuna malattia fisica ma solo un blocco della mente che inizia a “partorire” una serie di sensazioni invalidanti e terribili. Una persona depressa, sovente, non riesce nemmeno a godere di una passeggiata, a svolgere le azioni che normalmente ciascuno esegue nel corso della giornata.

Tantissime, al giorno d’oggi, sono le persone che soffrono di depressione e che, senza volerlo, influenzano anche la vita di chi gli sta più strettamente vicino, come i familiari. Ma la depressione non viene per caso. E’ il campanello d’allarme che il nostro corpo ci lancia per comunicare con noi che qualcosa nei nostri comportamenti e nelle nostre vite non va. La depressione è una malattia che si può e si deve sconfiggere ma in questi casi è fondamentale avere la forza di chiedere aiuto e farsi seguire da un medico specialista.

Anzi, già il fatto stesso di rivolgersi a chi ci sa apportare il suo aiuto, con competenze professionali, è un passo fondamentale verso una risoluzione. E chi la supera scopre di aver avuto l’occasione unica di ribaltare la propria vita e di renderla migliore di prima. Chi annienta la depressione scopre di essere un’altra persona, più forte e più consapevole di sé. Essa da malattia diviene, infine, lo strumento per capire chi si è veramente. Non dobbiamo avere pudore nel chiedere aiuto perché dalla depressione si può guarire.

Maria Antonietta Nocitra

Il Direttore Giuseppe Bartolucci