IL PROBLEMA DELLA TASSA SUI RIFIUTI

Comunicato stampa del consigliere Andrea Silvagni

Oggi pomeriggio il Consiglio comunale sarà chiamato a votare una modifica del regolamento TARI (Tassa sui rifiuti) al fine di ridurre parzialmente il pagamento della tassa alle attività che soffrono una grave situazione economica.

Anche l’opposizione, durante l’ultima seduta del Consiglio comunale, aveva chiesto di ridurre le imposte che gravano sulle nostre imprese e sulle nostre famiglie, e ci auspichiamo che nelle prossime settimane si possano ridurre altri tributi di competenza comunale come l’IMU, molto elevata nel nostro comune, e il canone di occupazione di suolo pubblico (COSAP).

Quello che lascia perplessi è che viene chiesto al Consiglio comunale di votare un testo con cui si delega totalmente alla giunta di stabilire la misura dell’agevolazione, i requisiti e le categorie dei soggetti che possono presentare domanda volta ad ottenere l’agevolazione.

Come verranno individuate la attività che soffrono di una grave situazione economica? Quali saranno i requisiti per fare domanda? Cosa si intende per riduzione parziale?

Tutti siamo lieti di alleggerire la pressione dei tributi locali, tuttavia i consiglieri avrebbero preferito discutere le modalità e le dimensioni del sostegno senza dover dare carta bianca ad una giunta nella quale, ovviamente, l’opposizione non è rappresentata.

Ho già avuto occasione di esprimere il mio disappunto sulle modalità con cui è stata scritta la domanda per la richiesta dei buoni spesa, non vorrei trovarmi ad esprimere il medesimo disappunto anche dopo la pubblicazione del bando per la richiesta delle agevolazioni sulla TARI.

La situazione economica è grave, le risorse non sono illimitate, servirebbe il contributo di tutti al fine di individuare le migliori soluzioni per sostenere le nostre imprese e le nostre famiglie.

Andrea Silvagni

 


RIPRODUZIONE VIETATA © BELLIGEA.IT

Il Direttore Giuseppe Bartolucci