GP di Montecarlo: circuito di Monaco.

Lewis Hamilton vince il GP di Monaco scippando, grazie a un errore del team Red Bull, il successo all’australiano Daniel Ricciardo, autore ieri di una pole position strepitosa. Terzo gradino del podio per un eccezionale Sergio Perez che precede la Ferrari di Vettel che nel toboga monegasco non è mai riuscito a trovare uno spiraglio per passare la Force India, mentre il compagno di team Raikkonen esce di scena dopo pochi giri per un lungo da esordiente al tornantino, la curva più lenta del mondiale.

La gara inizia sotto una forte pioggia per cui strategie stravolte e piloti in pista con le full wet: partenza in regime di safety car con Daniel Ricciardo seguito dalle due Mercedes e dalla Ferrari di Vettel. Al settimo giro la SC rientra ma la gara dura poco: quasi subito primo botto della giornata con la Renault di Palmer che s’intraversa per acquaplaning appena fuori dal tunnel e va a muro sbriciolando l’anteriore e costringendo la direzione gara a  mettere tutti in regime di virtual safety car (VSC ) per consentire di eliminare i detriti.

Si comincia a correre veramente solo al decimo giro: Ricciardo prova ad andarsene, mentre Hamilton scalpita alle spalle di Rosberg e mentre Raikkonen va lungo alla curva prima di Portier sbattendo contro le barriere: l’ala anteriore si stacca infilandosi sotto l’anteriore sinistro bloccando la ruota. Kimi tenta il tutto per tutto pattinando per centinaia di metri per rientrare ai box ma niente da fare: deve parcheggiare nella lunga via di fuga della chicane dopo aver percorso tunnel e rettilineo con la ruota anteriore sinistra sopra l’ala. Subito dopo Vettel torna ai box per il primo pit stop, dove monta le intermedie. Il tedesco tenta di riprendere le Mercedes, con Hamilton che nel frattempo, per ordine di squadra, ha passato Rosberg ma è bloccato da Felipe Massa. Il brasiliano consente così alle Mercedes di allontanarsi e di potersi fermare ai box con la certezza di rientrare davanti alla Ferrari.

Torna il sole e mentre Ricciardo è ormai in fuga solitaria seguito alla distanza da Hamilton, Rosberg sembra in netta difficoltà e continua a perdere posizioni. Hamilton gioca la sua carta e torna ai box per ultimo, tenendo le full wet fino al limite, mentre la pista è ormai asciutta, per mettere le ultra soft: il britannico si tiene dietro Ricciardo, rientrato dal pit stop con le intermedie, che non osa l’attacco. Al 32° giro Rosberg torna ai box ma un ritardo nel pit stop consente a Vettel di passargli davanti. Ma il vero disastro lo combinano ai box Red Bull: quando Ricciardo torna ai box per montare le gomme i meccanici non sono pronti con le ultrasoft per cui l’australiano resta sui cavalletti ben 13,6 secondi  consentendo ad Hamilton di guadagnare la leadership.

A metà gara Hamilton è in testa, ma a rischio penalità per aver ostacolato Ricciardo chiudendolo contro le barriere, dopo la chicane che l’inglese aveva sbagliato, seguono Perez e Vettel che cerca di guadagnare il podio. Hamilton non viene sanzionato – ha lasciato spazio a destra sufficiente – e per Ricciardo l’unica opportunità di vincere è sorpassare il campione Mercedes. Ma a Montecarlo, con queste macchine è praticamente impossibile superare e resta tutto invariato fino al traguardo, con Hamilton davanti e dietro Ricciardo, Perez, Vettel, Alonso,  Hulkenberg, Rosberg, Sainz, Button, Massa, Bottas, Gutierrez, Grosjean. Se qualcuno volesse sapere dove si trova il fenomeno Max Verstappen, può trovarlo fotocopiato sul guard rail alle Piscine, più o meno dove aveva sbattuto sabato… “Versbatten”?

Hamilton vince per la seconda volta in carriera il Gran Premio più ambito della stagione, trovando il primo successo del 2016 e rovinando la festa a un furibondo Ricciardo che paga il grave errore del suo team. Terzo un eccellente Sergio Perez, autore di una strategia di gara impeccabile; quarto Vettel che nonostante abbia dimostrato a più riprese di essere veloce non ha mai avuto la possibilità di superare Perez. Quinto Fernando Alonso, che festeggia i 50 anni della scuderia McLaren centrando il miglior risultato della stagione che con questo risultato, è decisamente riaperta: Hamilton ora scavalca Raikkonen nella classifica piloti portandosi a 26 punti dal leader e compagno di squadra Rosberg.


RIPRODUZIONE VIETATA © BELLIGEA.IT

Massimo Scalzo

su "GP di Montecarlo: circuito di Monaco."

Lascia un commento

il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.