Alonso e la Ferrari 2

C’è una frase in italiano che ben esprimerebbe questo gran commentare su Alonso e la Ferrari e sulla ridda di ipotesi anche fantasiose sul destino del pilota asturiano, ma non credo che rientri nello stile di Belligea e neanche nel mio. I giornalisti sono pagati affinchè scrivano e per fortuna non ‘a parola’ altrimenti molti sarebbero milionari: d’altronde è meglio fare ipotesi in questo intervallo tra GP piuttosto che sviscerare argomenti già ampiamente trattati. Vediamo ora di riassumere le certezze, senza iperboli o voli pindarici… se la Ferrari deve metter mano a un progetto a lungo tempo, è vero che Alonso di tempo invece non ne ha molto. Mattiacci vuole una discussione per ridefinire il rapporto tra pilota e Scuderia, il pilota una monoposto che lo porti al titolo se non nel 2015 almeno nel 2016 ma nessuno dei due sembra avere alternative: a Mattiacci di certo serve Fernando almeno un altro anno e al momento di piloti allo stesso livello e disponibili non ce ne sono, se non nel caso in cui avvenga il famoso scambio con Vettel ( che piace ai vertici ) ma che di concreto ha ben poco, considerando che Vettel ha appena ribadito che nel 2015 sarà ancora in Red Bull. Fernando ha si una concreta offerta dalla Honda-McLaren ma a lui, se vuol vincere subito, serve il motore Mercedes, di qualsiasi colore sia l’auto che lo ospita – il progetto nipponico è, a detta di alcuni, in ritardo – ed ecco quindi prendere corpo l’ipotesi Mercedes ( o la pazza idea della Lotus ) che di concreto si basa solo su un contatto con Stoccarda e forse sul fatto che Hamilton non abbia gradito molto il comportamento della squadra nei suoi confronti. In sintesi può succedere di tutto e la tessera che può scatenare l’effetto domino è solo e soltanto Alonso. Quindi a te la palla, Nando, e giocala bene perchè hai un solo tiro a disposizione.

alo 3 grande


RIPRODUZIONE VIETATA © BELLIGEA.IT

Massimo Scalzo

su "Alonso e la Ferrari 2"

Lascia un commento

il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.