L’ULTIMA BONIZZATA

Una amministrazione a fine del secondo mandato e un dirigente già assunto presso un altro comune, hanno bisogno di farsi compilare un report dai dipendenti per comprenderne il carico di lavoro?!

Quindi, ad oggi, dopo dieci anni di governo, non hanno ancora un’idea del lavoro espletato dagli uffici. A parte l’assurdità e l’inutilità della disposizione, perché in ambito lavorativo, a volte, può essere “significativa” una telefonata ancor più di una pratica. Qualsiasi dipendente può inserire in un report quello che gli viene in mente e preferisce.

Forse la giunta avrebbe dovuto preoccuparsi per tempo di riorganizzare gli uffici, prima che molti dipendenti se ne andassero (16 richieste di trasferimento, compresa l’ultima del dirigente Bonito). Qualcosa ci fa supporre che dal report emergerà anche che un cospicuo tempo gli uffici del quarto piano lo dedicano a un consigliere di maggioranza, titolare di uno studio tecnico a cui fa riferimento l’assessore competente, particolarmente attivo professionalmente, tanto che potrebbe pensarci lui a redigere un report! È sorprendente che un dirigente (anche se con le valigie in mano per andarsene) non abbia contezza di cosa i dipendenti a lui sottoposti facciano realmente.

Ancora più strano è che la Giunta chieda questo tipo di elaborazione, quasi come non avesse fiducia di quanto il dirigente abbia probabilmente già riportato in quella sede. Se prima potevamo essere speranzosi che, dopo tutto, il Kaiser avrebbe avuto modo di governare questo malandato Comune, pur in assenza dei suoi generali (dirigenti), con queste email viene certificato, al contrario, che gli stessi suoi generali non sanno cosa fanno le truppe. Definire il Comune in questo momento un’”armata Brancaleone” potrebbe sembrare quasi un complimento…

Si vocifera anche che questo consigliere di maggioranza abbia fatto in modo che molto lavoro andasse in mano a una persona, perché sembra non vada d’accordo con i due tecnici comunali preposti. Quando si dice la potenza della politica!, un semplice consigliere riesce addirittura ad avere gli “impiegati ad personam”.

Se è vero che la Giunta ha chiesto a Bonito i report del personale, il tutto potrebbe sembrare come un avvertimento agli impiegati, “attenti; vi osserviamo”. Ma potrebbe anche figurarsi come minaccia per gli stessi impiegati. Ma non avevano già fatto una riorganizzazione poco tempo fa? Evidentemente, non avendo raggiunto gli scopi prefissati, dev’essere stato un disastro.

Allora ci si chiede: come mai questo controllo sul lavoro degli impiegati comunali avviene solo adesso, dopo dieci anni di amministrazione Ceccarelli? Perché non è stato fatto all’inizio dei due mandati? Bonito, per dieci anni, è stato all’oscuro di quello che facevano i suoi sottoposti? Roba da non credere! Il controllo dovrebbe essere la prima cosa che un dirigente mette in atto per capire come funzionano gli uffici.

Magari in questi anni ha preso anche il premio produzione…

Altro quesito interessante: come mai questa storia dei report settimanali riguarda solo il quarto piano?

A prova di quanto descritto sopra, alleghiamo due foto che la C.I.A ci ha gentilmente fornito.

 


RIPRODUZIONE VIETATA © BELLIGEA.IT

Il Direttore Giuseppe Bartolucci