Giovanni Gradara: Lettera a Giorgio Napolitano Presidente della Repubblica

 

        AL SIG. PRESIDENTE GIORGIO NAPOLITANO

Epc. Alla  Presidenza del Consiglio.

  Bellaria Igea Marina,  16-06-2014

Giovanni Gradara.

47814 Bellaria Igea Marina.

xxxxxxxxxxxxx

Ill/mo Sig. Presidente,

Poiché Lei rappresenta l’immagine più nobile e nitida del nostro Paese, il custode più strenuo della nostra Costituzione, La prego vivamente di dedicare una breve attenzione su ciò che Le sto esponendo: nel nostro Paese turistico, Bellaria Igea Marina (Rimini), la Giunta di centro destra che da circa  cinque anni ci amministra, senza consultare o confrontarsi in alcun modo con i Consiglieri delle precedenti Amministrazioni, o quelli attuali di opposizione, ha deciso di demolire  un monumento (vedi foto) che da circa 35 anni era collocato davanti al Municipio per ricordare gli eroi che collaborarono alla rinascita del nostro Paese dopo tanto spargimento di sangue.

Io personalmente, e tanti miei concittadini, indignati, gradiremmo vivamente un Suo autorevole giudizio in proposito e/o eventuale richiamo!

P.S. L’opera era catalogata presso l’Istituto dei beni culturali della Regione Emilia Romagna e l’unica motivazione diffusa dalla Giunta, fu che si trattava di una “brutta ammucchiata di sassi” che si doveva demolire! Inoltre, la festa del 2 giugno, non è stata minimamente ricordata neppure con una minuscola bandiera tricolore!!!

Cordiali saluti,

                                                                                  Giovanni Gradara

 

moka momumento 2

Il Direttore Giuseppe Bartolucci