MORTI COLLATERALI

12 morti innocenti

Guerra

Immagini forti non consigliate ai minori

 

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=W0I6S8mva-s

Molto probabilmente gran parte degli americani sono convinti in perfetta buona fede che il loro Governo sia quanto di meglio esista per difendere la libertà ed esportarla in tutto l’Orbe terracqueo.

Anche quando segue percorsi così tortuosi da far invidia al più colto dei Gesuiti: giusto per fare un esempio, pur quando ha sostenuto in un primo tempo quel campione di democrazia di Saddam Hussein per arginare la teocrazia islamica iraniana per poi accusarlo delle peggiori nefandezze, anche letteralmente con carte false, per poi farlo fuori.      E con lui mezzo Iraq.

Ora un Tribunale militare ha condannato a 35 anni di carcere Bradley Manning, analista informatico militare che avrebbe passato a  WikiLeaks di Julian Assange migliaia e migliaia di informazioni riservate.

Fra queste informazioni riservate c’è il video Collateral Murder, preso in Iraq, durante il quale gli equipaggi di due elicotteri Apache aprono il fuoco e uccidono a sangue freddo dodici civili innocenti, fra cui due reporter della Reuters.

Difficilmente è stato l’unico assassinio collaterale durante il percorso che porta alla libertà mondiale, non è diverso da quanto compiuto da ben noti criminali di guerra, ma quasi certamente è rimasto impunito.

Non dimentichiamocelo.

Il Direttore Giuseppe Bartolucci