308.000,00 EURO

Questo è il costo del Natale a Bellaria Igea Marina.

Molto? Poco? Chi lo sa? La cosa che veramente dà fastidio è che l’amministrazione non ne informa i cittadini, ma se è per questo nemmeno la minoranza, pur sapendolo, non lo dice a nessuno. Come mai?

Lo si può leggere nelle comunicazioni ufficiali di Verdeblu, la quale, per organizzare tutte le manifestazioni natalizie dall’8 Dicembre al 6 Gennaio, chiede al comune 308.000,00 euro, e il comune glieli concede addirittura in anticipo.

Ciò è singolare; una festa potrebbe saltare per qualunque motivo: un artista potrebbe non presentarsi al veglione di capodanno, ad esempio, o per qualunque altra ragione. Perché, allora, versare in anticipo?

Di solito si dovrebbe liquidare al rendiconto, dopo aver controllato che quanto previsto sia realmente stato realizzato: ma c’è un’altra domanda. Chi ha davvero deciso quali sono le manifestazioni che veramente servono a Bellaria per il Natale? E non di meno, quali sono i ritorni di un simile – a parer nostro – esagerato investimento? Oppure, come al solito, è fumo negli occhi per i cittadini, per far vedere che si fa qualcosa a Natale? Senza, però, informarli dei costi!

Le richieste di Verdeblu sono su documenti ufficiali di dominio pubblico, ma ci chiediamo a quanti può venire in mente di consultarli. Cionondimeno i rendiconti non sono accessibili al pubblico. Strano, considerato che proprio di denaro pubblico si tratta. Ma se anche i rendiconti fossero accessibili, resta sempre da valutare se siano completamente reali. A volte si può nascondere come contributo una somma destinata a colmare un deficit di bilancio, ad esempio. Ovviamente si fa per dire, ma avendo a che fare con una fondazione non a scopo di lucro, con un bilancio che deve tendere al pareggio, una contabilità semplificata e oneri fiscali praticamente inesistenti, è lecito anche avere qualche dubbio, che non nasce così, tanto per gratuito sospetto. Se infatti andiamo a controllare l’importo impiegato lo scorso anno, che assomma a 169.700,00 euro, vediamo che la cifra è quasi raddoppiata.

Riteniamo, magari ingenuamente, che ci sia uno sbilanciamento esagerato su quanto riceve Verdeblu per la promozione della città: 765.000,00 euro per undici mesi e 308.000,00 euro per le sole feste del periodo natalizio. Magari i finanziamenti per la promozione della stagione estiva hanno un minimo di ritorno, ma quelli per il Natale? In fondo se qualche turista arriva per il Natale-capodanno, si ferma solo qualche giorno. C’è una enorme differenza fra costi e benefici.

Ma esiste, ahinoi, il lato politico: cioè il poter poi comunicare più arrivi e più presenze, magari anche vantandosene, tanto, non essendoci la tassa di soggiorno, ognuno è libero di sparare i numeri che vuole. Se ben ricordate, è già accaduto.

Un altro aspetto politico è quello di mostrare che ci si occupa dei cittadini.

Non siamo assolutamente contro l’organizzazione delle manifestazioni natalizie, ma 308.000,00 euro ci sembrano una cifra esagerata, soprattutto in virtù del bilancio comunale, ma anche perché quei soldi si potrebbero destinare a cose più importanti. Impegnandosi di più per il sociale: non esistono solo i bagordi, ma, e soprattutto, i bisogni. Oppure sistemando le strade, che in certi punti sono in condizioni veramente terribili.

Ma sarebbe interessante conoscere quanto è stato investito per lo stesso periodo nelle località limitrofe.

Vorremmo anche far notare che siamo l’unico comune che per Natale non organizza nessun pranzo dedicato ai bisognosi. O forse perché a Bellaria i bisognosi non esistono? O forse questo pensa l’amministrazione, sempre pronta a correre in soccorso dei benestanti.

Con tutta la comprensione che tentiamo di avere verso l’amministrazione, a volte ci sembra che perdano il senso della misura.


RIPRODUZIONE VIETATA © BELLIGEA.IT

Il Direttore Giuseppe Bartolucci