LA SANATORIA PER LE CABINE

Per quanto è dato sapere le cabine sequestrate a Bellaria potrebbero essere sanabili, quelle di Igea no. La prima e più immediata ipotesi che ci viene in mente è che pur non conoscendo chiaramente gli atti, è verosimile che le ragioni siano queste:

  • Quelle di Bellaria hanno già avuto il rilascio della paesaggistica, quelle di Igea no. Questa è la discriminante.
  • A livello paesaggistico le opere di nuova costruzione possono essere autorizzate in via ordinaria, non in sanatoria.
  • Quindi, Bellaria ha già comunque la paesaggistica rilasciata in via ordinaria, mentre Igea dovrebbe andare in sanatoria anche a livello paesaggistico e questo non è ammesso.
  • Qualora si volesse sanare, prima bisogna farlo con tutti gli Enti preposti, ma ci vogliono mesi. Una volta fatto questo, si può sanare in Comune.

Questo, attualmente, è lo stato dell’arte. Se poi qualcuno sia in grado di trovare altre soluzioni noi non lo sappiamo.

Possiamo solo augurarci che una soluzione sì possa trovare. I bagnini hanno investito fior di quattrini per il loro lavoro e a loro volta potrebbero far causa a chi ha sbagliato.

I tempi sono difficili, il mondo è difficile. Bisogna imparare a essere cauti e non faciloni.

Molti si chiedono come Belligea sia venuta a conoscenza dei permessi che mancavano. Nessun mistero, nessun complotto e nemmeno qualche talpa. Ci dispiace per i complottisti, ma questo è un sito di giornalismo investigativo e a tal proposito abbiamo lavorato. Primo indizio: non c’era alcun cartello di cantiere (obbligatorio).

Al che, per fare il nostro lavoro, siamo andati sull’albo pretorio online. Guarda caso, di permessi per costruire le cabine non c’era nemmeno l’ombra.

Ora che abbiamo svelato questo segreto di Pulcinella, l’Amministrazione ci può spiegare (non certo al giornale ma alla cittadinanza) cosa effettivamente è successo?

Infatti nel primo articolo avevamo invitato l’Amministrazione a fare chiarezza. Cosa che non è avvenuta.

Sta di fatto che qualcuno della maggioranza si pone il problema da dove sia giunta l’informazione, senza realizzare che questo non ha alcuna importanza. Quello che conta è la notizia. Tutti preoccupati a dare la caccia a una talpa che non esiste. È tutto lì, sul sito del Comune, è l’informazione in sé che conta, non da dove arriva.

P.S. Sembra che al prossimo CC qualcuno abbia deciso che la discussione sull’abuso edilizio delle cabine sia fatta a porte chiuse. Qualcuno ha qualcosa da nascondere? Perché mai i cittadini non dovrebbero venirne a conoscenza? È inaccettabile.

Soprattutto perché stiamo parlando del core business della città. L’argomento interessa tutti.


RIPRODUZIONE VIETATA © BELLIGEA.IT

Il Direttore Giuseppe Bartolucci

1 Commento su "LA SANATORIA PER LE CABINE"

  1. Picconatore | 22/07/2021 at 0:42 | Rispondi

    《《Mi raccomando, tutti zitti!!! questa volta bolle con due batecchi!!!》》

Rispondi a Picconatore Annulla risposta

il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.