È IL MOMENTO GIUSTO PER PARLARE DI EDILIZIA SCOLASTICA

Comunicato stampa del consigliere Alessandro Berardi

Il Governo, tramite le Regioni, ha stanziato cospicui fondi per l’edilizia scolastica. Azione dettata anche dalle esigenze determinate dall’emergenza COVID.

Ci siamo chiesti se, dopo avere per due legislature sostenuto l’esigenza di un plesso scolastico da ubicarsi in zona Gelso, sia davvero più valida la collocazione che in questi ultimi mesi sembra aver preso piede per questa amministrazione: ovvero l’area ex centro tennis Bellaria.

Considerando che i protagonisti politici sono gli stessi che per dieci anni hanno sostenuto con convinzione e con atti propedeutici un edificio scolastico in zona Gelso, come mai hanno cambiato opinione? Dobbiamo dire francamente che la nuova indicazione ci appare molto meno adatta di quella già scelta precedentemente, e che anch’essa presentava comunque qualche limite, soprattutto per le modalità con le quali la si voleva realizzare.

Oggi, visto il buon momento politico dato da un maggior stanziamento di risorse a favore dei Comuni per l’edilizia scolastica, che potrebbero portare ad un minor bisogno di sacrificare il patrimonio comunale più pregiato che potrebbe essere utilizzato per altre opportunità di investimento, riteniamo che decisioni così importanti debbano essere discusse in Consiglio Comunale. Circolano persistenti voci che danno lo spostamento della scuola Carducci al circolo tennis di Bellaria, ci domandiamo se quella zona sia davvero adatta ad un intervento di edilizia scolastica!

A nostro avviso, considerata la vocazione residenziale della zona, nonché una viabilità già sacrificata per la vicinanza di due importanti attività commerciali, sarebbe più opportuno un insediamento di edilizia popolare, che senza ombra di dubbio si adatterebbe meglio alla caratteristica residenziale della zona.

Tutto questo nella considerazione che sono state presentate oltre cento domande per l’assegnazione di alloggi popolari.


RIPRODUZIONE VIETATA © BELLIGEA.IT

Il Direttore Giuseppe Bartolucci