OCCASIONI PERSE

Comunicato del MoVimento 5 Stelle

Due nostre storiche battaglie si fondono insieme in una notizia che ci lascia perplessi e che ci porta a pensare che questa nuova amministrazione soffra come la precedente di una Mancanza di visione imprenditoriale e turistica, il polo sportivo del MAF, (centro tennis di Bellaria Monte) raso al suolo per realizzare una scuola. Sia ben chiaro, nulla contro le scuole, anzi, chi ci ha seguiti nel corso di questi anni sa di certo che un polo scolastico era nei nostri obiettivi, così come lo era il salvataggio del MAF.

Una struttura valida sia per la comunità (per le attività sportive stesse degli studenti), che per l’imprenditoria turistica locale, oltre allo spreco nell’abbattere un impianto così ben strutturato, i campi e gli spogliatoi potrebbero essere riattivati con un investimento minimo, gli altri servizi ridimensionati rendendo più semplice la gestione, e il comune ne avrebbe una spesa minima se adoperasse sistemi di investimento come il project financing, entrando di fatto in una nuova generazione di investimento, gli investitori interessati alla struttura ci sono, e sono disponibili ad accollarsi il grosso dell’investimento.

Si può riportare prestigio, ridare vita ad un quartiere ma sopratutto creare un circuito turistico legato ad eventi sportivi di caratura oltre i confini nazionali; gare, stage, meeting, centri estivi, un servizio per i nostri residenti ma non da meno per gli operatori turistici che possono includere un servizio aggiuntivo nei loro pacchetti. I progetti per realizzare tutto questo ci sono.

Per l’amministrazione precedente il MAF era diventato un problema e un motivo di imbarazzo, sopratutto dopo la debacle(figuraccia) con il centro sportivo Garden, a quanto pare anche per la nuova amministrazione Giorgetti si procrastina questa visione perdente di uno dei maggiori punti di investimento della città, si mette la testa sotto la sabbia e si usa una scuola per non ricevere critiche.

Un project financing, avrebbe richiesto dalla parte pubblica un investimento minimo(addirittura a COSTO ZERO!), facilmente sostenibile, con possibili collaborazioni del pubblico e dei privati, garantito la riqualifica dell’area esentato l’amministrazione da responsabilità di gestione e di cura dell’area dando la possibilità a dei professionisti del settore di portare una nuova propulsione turistica con beneficio di tutta la città, ci chiediamo cosa ne pensino gli imprenditori del comparto turistico e alberghiero, davvero non vogliono cogliere questa occasione? Davvero sono disposti a perdere in via definitiva questo servizio? Davvero disposti a perderne i possibili proventi?

Non ha senso distruggere così un bene comunale che potrebbe portare anche ad una destagionalizzazione delle nostre attività, vogliamo veramente affidarci solo al palacongressi? Sopratutto considerato quanto già è stato investito in passato, a questo punto sarebbero veramente SOLDI BUTTATI! Oltre ai mancati introiti per le casse pubbliche, poiché siam certi che con la giusta progettualità, un minimo di economie potevano negli anni essere recuperate anche a beneficio delle casse comunali, in virtù del fatto che diversi impianti simili,(anche in territori a noi vicini) stanno rivivendo una seconda giovinezza, mai periodo poteva apparire migliore per investire in questa tipologia di strutture.

Una scuola? Noi vorremmo vero e proprio polo scolastico! Che ne sostituisca un paio di più vetusta realtà portando al comune la possibilità di riconvertire aree e strutture con beneficio per la città. Ecco cosa vorremmo noi per Bellaria Igea Marina, ma su una impostazione urbanistica finalizzata al recupero di un area scarna di strutture, per espandere l’abitato sottraendo degrado, questo era un progetto sensato, collegando servizi e per sviluppare una nuova viabilità e riportare vita e verde nei quartieri più periferici e necessitanti di investimenti.

Per non parlare di eventuali difficoltà di una struttura scolastica in quella location, legate alla viabilità in un quartiere che non brilla per l’ampiezza delle proprie vie e che ha già delle strutture scolastiche nei pressi, tra cui le medie, oltre ad un supermercato.

Invitiamo la cittadinanza e le imprese locali a presentare all’amministrazione le proprie riflessioni.


RIPRODUZIONE VIETATA © BELLIGEA.IT

Il Direttore Giuseppe Bartolucci