UN DESTINO CRUDELE

È morta Giorgia Raschi, sorella di Anna Bella Raschi della Profumeria Otello e dell’indimenticato Umberto Raschi (Toto), tragicamente scomparso in un incidente nel 1981.

Dopo la morte dell’anziana madre nel gennaio di quest’anno, un altro lutto, questa volta assolutamente inatteso, colpisce la famiglia nello stesso anno.

Giorgia abitava a Terni, aveva 74 anni portati magnificamente, poiché sembrava molto più giovane, e nulla avrebbe fatto presagire un evento tanto drammatico, ma un maledetto avvelenamento da ingestione di funghi ha posto, in pochi giorni, fine alla sua esistenza.

L’evento lascia increduli e sgomenti; in questi casi non si sa che dire, né come commentare. Una parola è poca, due sono troppe.

Dopo la cremazione, le ceneri di Giorgia verranno portate al cimitero di Bellaria, dove riposeranno accanto agli altri parenti defunti e dove c’è il suo mare che tanto amava.

Ci uniamo al cordoglio della nostra concittadina e dei parenti di Terni.

Vi lasciamo con una considerazione e un ovvio consiglio: nonostante gli avvertimenti si registra ancora un elevatissimo numero di avvelenamenti o intossicazioni da funghi, alcuni, come nel suo caso, con esiti fatali, mentre il marito si trova ancora ricoverato e sta lottando per superare la grave intossicazione.

Non si devono consumare funghi se non si è più che certi della loro commestibilità, anche se c’è il minimo dubbio evitare di mangiarli e, in ogni caso, si vada a consultare gli esperti micologi che sono sempre presenti in ogni località.

Se poi si commette l’imprudenza, ai primi sintomi di malessere dopo l’ingestione di funghi, ci si deve immediatamente recare a un Pronto Soccorso per essere esaminati, o rivolgersi al 118.


RIPRODUZIONE VIETATA © BELLIGEA.IT

Il Direttore Giuseppe Bartolucci