É GIUNTA L’ORA

Riuscirà il nostro Filippo a vincere la sua battaglia contro le soverchianti forze della Lega e del valvassino?

La lega sta tirando troppo la corda insistendo con il valvassino, che sembra abbia chiesto l’assessorato al turismo. È senz’altro plausibile, perché in questo caso manterrebbe il controllo diretto di Verdeblu e si terrebbe gli albergatori dalla propria parte. Non lo sfiora però il dubbio di entrare in conflitto d’interessi, essendo sua moglie albergatrice? Non dimentichiamo che nelle amministrazioni del valvassino non c’è mai stato un assessore al turismo e proprio per suo volere. Era solo lui l’unico astro che poteva illuminare il suo firmamento.

La lega cavalca l’onda, ma quanto è convincente questa cavalcata? Parlare alla pancia della gente è facile, così com’è facile semplificare i problemi complessi, ma fare politiche costruttive per la comunità è tutt’altra cosa, e tra i loro eletti non si vedono persone in grado di realizzarle. L’impressione è che credano che amministrare una città sia come fare la spesa al supermercato.

La lega dovrebbe ben ricordare il boom e lo sgonfiamento del Movimento 5 Stelle. Esattamente come avvenne per Renzi e che fu ancora più eclatante. Tutti prima erano Renziani, poi divennero grillini, adesso sembra che tutti siano leghisti, ma è una festa che durerà poco.

Il valvassino vorrebbe dirigere la politica di Filippo Giorgetti; in questo caso meglio la morte! Consigliamo con tutte le nostre forze a Filippo di dare le DIMISSIONI senza se e senza ma, se questa storia della Lega e del valvassino non cessa immediatamente.

Non è accettabile che un Sindaco sia sotto tutela.

C’è molta arroganza in chi vuol comandare senza nemmeno essersi presentato in una lista, si ha l’impressione che ci siano molti interessi da difendere, con una visione totalmente diversa del fare politica che ha Filippo Giorgetti.

Curioso particolare: nell’ultimo ventennio Scenna/valvassino, di cui uno laureato e uno con la terza media, la città è regredita. Guarda caso entrambi questi sindaci non erano di origine bellariese: sarà un caso? Sarà sempre un caso che Mauri giri ogni piazza politica della Romagna, forse è in cerca dell’arca perduta? Non è che se un soggetto non è bellariese non sia capace di governare, ma nel nostro caso siamo andati male.


RIPRODUZIONE VIETATA © BELLIGEA.IT

Il Direttore Giuseppe Bartolucci