DA KAISER A VASSALLO MINORE

Capita che a volte ci sia un’aquila che recita la parte della colomba con l’intento di far passare la colomba per aquila.

Il signor Enzo Ceccarelli, ex Kaiser, sa benissimo che non sarà mai assessore, ma attraverso la Lega vuol far passare il messaggio che il cattivone è Filippo, che a parer dell’ex kaiser (da oggi vassus vassorum, vassallo minore), gli nega, nonostante la sua esperienza, un posto al governo della città. Come se questo fosse un diritto acquisito dal vassallo minore.

Il vassallo minore, che non si rassegna a diventare un egregio signor nessuno, ha bisogno del palcoscenico per sentirsi considerato. Spesso è sembrato un pavone intento a mostrare il suo variopinto ventaglio.

Passiamo ad altro. C’è una chiacchiera messa in giro ad arte: chi è stato e il perché immaginatelo da soli. Si dice che Filippo avrebbe cercato Bucci per un’alleanza onde far fuori la Lega. Questa storia a parer nostro è totalmente priva di fondamento.

Gli elettori hanno scelto Filippo Giorgetti e qualsiasi ribaltone sarebbe un inciucio inaccettabile anche per noi.

L’intento di questa chiacchiera è quello di screditare il nuovo sindaco per indurlo a più miti consigli. Sembra quasi una pestis manufacta.

Se sono questi i sotterfugi che si usano per ottenere qualcosa, vi lasciamo immaginare di quali oscure trame sono capaci gli autori, unctor-oris, di queste voci.

Sapete cosa c’è di nuovo in città? Le foglie hanno ripreso a muoversi anche se Ceccarelli non vuole!


RIPRODUZIONE VIETATA © BELLIGEA.IT

Il Direttore Giuseppe Bartolucci