SCUOLA A TEMPO PIENO: A BELLARIA È UN MIRAGGIO?

Circa 20 genitori, dei 50 che hanno chiesto a vario titolo il tempo pieno per i loro figli, non l’hanno ottenuto.

Si tratta per lo più di genitori che lavorano full time entrambi, e impossibilitati ad affidare i figli ai nonni: o perché lontani, o perché troppo anziani.

Secondo le assegnazioni fatte, dovrebbero allontanarsi dal lavoro oppure lasciare soli a casa i figli.

Le lamentele sono diverse, e molti dubbi affollano le menti degli esclusi dal tempo pieno. Eppure tutti i genitori interessati al tempo pieno avevano esposto i loro problemi, sia al Comune, che alla scuola.

Gli esclusi si pongono alcune domande: chi decide le graduatorie? Chi ha deciso le regole di assegnazione? Ci sono stati corridoi privilegiati per qualcuno?

Era stato chiesto un incontro a breve con il Preside, ma è intenzione dei genitori rivolgersi all’Assessore competente Roberto Maggioli, come pure al sindaco Enzo Ceccarelli.

Per tutta risposta l’istituto ha pubblicato quello che segue sul sito: una risposta che lascia senza parole. Come sempre, quando non si è in grado di risolvere un problema, ci si affida alla burocrazia, notoriamente sorda e cieca ai problemi delle persone.

Si ha la netta impressione che in Italia tutto ciò che è pubblico sia sempre contro le esigenze dei cittadini e, in questo caso, contro dei bambini che non potrebbero essere abbandonati a loro stessi.

Si spera che una soluzione si trovi velocemente, soddisfacendo le esigenze di tutti.


RIPRODUZIONE VIETATA © BELLIGEA.IT

Il Direttore Giuseppe Bartolucci