IL MEGLIO DEL PEGGIO BELLARIESE SU RETE4

Ceccarelli tra due fuochi, amici o ex amici?

La Lega vuol così bene alla città che partecipa a una trasmissione che farà certamente dei danni al nostro turismo. Se poi guardiamo a chi ha parlato… vengono veramente i brividi.
Vale la pena ricordare di quando il Sindaco strinse le mani ai manifestanti davanti all’hotel Gelso per un caso analogo, sempre capitanati dallo stesso personaggio.
Come mai un cambio di rotta cosi evidente? Che i cazziatoni lo abbiano fatto rinsavire?

Un senatore del PD li ha completamente sbugiardati, dicendo che suo figlio, come sempre, verrà in colonia qui da noi e che hanno fatto più danni loro con questa iniziativa, di quanti ne potevano fare i profughi.

Il Sindaco Enzo Ceccarelli, per la prima volta, sembra ragionare,

ma è ridicolo quando parla di alta percentuale.
La presenza media giornaliera dei turisti è di 16.000, i 40 rifugiati incidono per lo 0,3 %.

Se fossero distribuiti per la città in gruppetti da 5/10, come qualcuno vorrebbe, alla fine si direbbe che è più difficile controllarli, senza contare che tenderebbero comunque a riunirsi.

Chi si è dato da fare per questa trasmissione ha procurato grave danno alla città.

Parliamo di alcuni personaggi che erano, e sono, convinti di contare qualcosa. In realtà nessuno se li fila e allora quale miglior modo di mettersi in mostra se non in una trasmissione di portata nazionale? Quasi quasi il Sindaco potrebbe far causa a Rete 4.

E’ utile ricordare che chi decide dove collocarli è il Prefetto, e non il Sindaco.

Cosa altrettanto importante è che non sempre si può avere solo quello che ci fa comodo, ma bisogna saper accettare anche situazioni che possono non piacere. Il detto che non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca è sempre valido.

La Romagna e Bellaria I.M. fanno parte della società civile, hanno una lunga tradizione di accoglienza, forse molto più di altri territori. Chi parla di difesa della costa romagnola non sa quello che dice, non conosce lo spirito romagnolo e infine ha ben poca memoria storica.

Siamo diventati quello che siamo adesso per la nostra accoglienza, e ora ci spaventiamo per pochi rifugiati? Non è da romagnoli!

E’ evidente che chi cavalca l’onda vuol solo mettersi in mostra per riconquistare i consensi perduti. E’ solo politica, della città non gliene frega niente. Qualcuno non è nemmeno un cittadino di Bellaria I.M.

I rifugiati si possono sistemare altrove? Sicuramente, ma per favore, non facciamo un dramma se qui c’è uno sparuto gruppo di rifugiati.

Chi, per cercare di difendere i propri interessi, ha voluto creare il caso, purtroppo si è dato la zappa sui piedi.

Non è per tutti saper guardare più in là del proprio naso.

Se poi capita che in Consiglio Comunale l’opposizione faccia notare che possono esserci situazioni di pericolo per la sicurezza, il Sindaco, come prima cosa, attacca dicendo che il solo porre quelle domande, peraltro legittime, crea un “procurato allarme“.

Forse adesso il Sindaco cambierà atteggiamento.


RIPRODUZIONE VIETATA © BELLIGEA.IT

Il Direttore Giuseppe Bartolucci

su "IL MEGLIO DEL PEGGIO BELLARIESE SU RETE4"

Lascia un commento

il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.