GP di Gran Bretagna: circuito di Silverstone.

Un inglese (?) su macchina inglese (?) vince il Gran Premio di Gran Bretagna a Silverstone contro ogni logico dubbio e avvicina il compagno Rosberg, tedesco (?) su Mercedes AMG-Petronas.

Nella classifica mondiale mentre l’australiano Daniel (e) Ricciardo viene ancora una volta superato dal compagno di scuderia, sempre meno “Versbatten” e sempre più “Olandese Volante”. Le Ferrari indietro… causa probabile la visibilità limitata a causa dell’intensità della pioggia nei primi giri sebbene da varie fonti vengano sussurrati problemi di gomme, bilanciamento, assetto e forse di motore.

Sotto un diluvio torrenziale ( per la serie chi l’ha visto ) la gara parte in regime di safety car e per 5 lunghi, inutili giri il buon Wylander, tedesco su auto tedesca, si gode il primato su un circuito bagnato ma senza pioggia, inseguito dalle imprecazioni di Hamilton – e non solo – fino a quando, ormai alla soglia del ridicolo, si leva di torno e lascia ai piloti il circuito… sta uscendo il sole ma il tracciato è molto insidioso e solo le ampie vie di fuga perdonano fin troppi driver, anche di livello, che in altri tempi sarebbero finiti nella sabbia, nelle reti o sulle barriere. Ma di questi tempi, in nome della sicurezza, sulle vie di fuga ci può atterrare tranquillamente un Piper… viva Baku, a questo punto.

Buona gara di Raikkonen, male Vettel, nulla dire su Ricciardo, molto su Verstappen che supera anche Rosberg a un certo punto ma viene risuperato in finale, salvo poi conquistare a tavolino il secondo posto perchè dai box teutonici arriva a Rosberg il suggerimento ( vietato ) di non usare la settima marcia. Non entro nel merito della decisione dei commissari di aggiungere al tempo finale di Rosberg dieci secondi perchè ci sarebbe troppo da discutere sulle loro decisioni in genere e su quelle della FIA. Le due McLaren-Honda non brillano, ma almeno finiscono le gare e sembrano ormai sicure naviganti in prossimità della zona punti, precedute da Massa e seguite da Bottas. Mentre la Force India, 6a e 7a, si confermano ( ma è il team satellite della Mercedes…) da segnalare l’8° posto di Sainz che con la Toro Rosso precede Sebastian Vettel.

Per buona parte della gara il sole ha ravvivato i colori delle monoposto, ma su quelle rosse le nuvole sembrano sempre più scure e gravide di pioggia. nonostante i tempi sul giro non fossero poi tanto male… però molto male è andato questo GP nel quale non si può invocare sfortuna o errori, ma solo una grave carenza di tutta la squadra che a furia di “tenere la testa bassa” per evitare buche o pozzanghere, sta perdendo di vista gli obiettivi che stanno in alto… che abbiano già la testa al 2017? Spero di no perchè sarebbe l’errore più grave e imperdonabile.

Tabellone

 


RIPRODUZIONE VIETATA © BELLIGEA.IT

Massimo Scalzo

su "GP di Gran Bretagna: circuito di Silverstone."

Lascia un commento

il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.