DA KAISER A LUCIFER

Sembra questo il destino di Enzo Ceccarelli; l’ormai ex sindaco, da semidio diventa portatore di luce.

Infatti Lucifero, Lucifer in latino, significa “portatore di luce”.

Qualche politico infatti ha detto che bisogna proseguire sulla strada illuminata da Ceccarelli.

Lucifero è anche l’epiteto letterario del pianeta Venere nelle sue apparizioni mattutine. “La graziosa stella, La quale lieta si leva inanzi a l’alba, e Lucifero ha nome“.

Lucifero sostantivo maschile: Nome del principe degli angeli ribelli, divenuto nell’inferno il capo dei demoni; simbolo di superbia, di rabbia incontrollata, di malvagità e anche d’astuzia o scaltrezza sopraffina.

Ci si appresta a seguire l’illuminato Enzo Ceccarelli? Ufficialmente non ha chiesto un assessorato, ma sotto sotto si aspetta di essere chiamato come stabilizzatore delle forze politiche in gioco e quindi ad assumere il ruolo di padre putativo del governo della città. Insomma “non si muove foglia che Ceccarelli non voglia”.

Non crediamo che Filippo Giorgetti sia contento di questo scenario, passerebbe come un sindaco a mezzo servizio, esecutore delle volontà del clan dei bordonchiesi.

C’è di più – e secondo noi Filippo ne è ben consapevole – e cioè il rischio che il centrodestra perda le elezioni proprio per l’ingombrante presenza di Ceccarelli.

Sono molti i simpatizzanti del centrodestra bellariese che sono delusi – qualcuno è addirittura incattivito – da Ceccarelli, che giurano di non votare più per quella parte politica.

Esiste anche un alleato, o meglio ex alleato, di Filippo, che secondo alcune voci di popolo dà indicazioni di votare scheda bianca: costui sarebbe Gianluca Medri. Il perché non è difficile da capire, così facendo manderebbe Filippo al ballottaggio e a quel punto, per concedere quei voti a Filippo, farebbero delle richieste precise condizionandolo ancor di più.

Se questo è lo scenario del futuro governo della città, siamo messi male. Se un sindaco non è libero di governare come meglio crede assumendosene la responsabilità, a cosa serve?

Lunga ed impervia è la strada che dall’inferno si snoda verso la luce.“ John Milton.


RIPRODUZIONE VIETATA © BELLIGEA.IT

Il Direttore Giuseppe Bartolucci