MAURI (LEGA) «MEGLIO UN OMICIDIO CHE DIECI SCIPPI»

Rischiamo di avere come assessore questo signore o, ancor peggio, come vicesindaco.

Queste le sue parole: «Per i cittadini è meglio un omicidio che 10 scippi.» Quindi, secondo Mauri, è più opportuno che qualcuno perda la vita, piuttosto che qualche scippo.

Mauri ha parlato da spettatore durante il Consiglio Comunale, che aveva come unico argomento la sicurezza e, previa autorizzazione del Presidente Filippo Giorgetti, veniva concesso l’intervento anche ad altri spettatori.

Il punto sta nella sfacciataggine con cui Mauri si è messo sul piedistallo del decisionista che non ammette repliche. Sempre Mauri, che non è nemmeno qui residente, sembra pretendere di dettare la linea politica della prossima amministrazione.

Se oggi dice queste cose, figuriamoci che provvedimenti potrebbe adottare se entrasse in giunta.

Mauri si fa forte dei notevoli consensi che la Lega sta ottenendo a livello nazionale, di certo non per merito suo, anzi, quella frase potrebbe danneggiarla. Qui si votano le persone, non tanto i partiti. Se poi Mauri, da noi, è il maggior esponente della Lega, cadiamo dalla padella nella brace.

Gli stessi relatori che erano stati invitati da chi ha organizzato il tema sulla sicurezza, alla fine sono stati praticamente contestati. Prima da Giovanardi con un intervento quasi infantile, poi dal sindaco Enzo Ceccarelli, che ha lasciato intendere che l’amministrazione è superiore a queste cose.

Unica consolazione le risatine dei presenti e la disapprovazione di chi è venuto a conoscenza delle sue insulse parole. A Bellaria, almeno per certe cose, c’è ancora un briciolo di coscienza.

Di certo io non lo voterò, e invito a fare altrettanto.


RIPRODUZIONE VIETATA © BELLIGEA.IT

Il Direttore Giuseppe Bartolucci