CECCARELLI SE LA SUONA E SE LA CANTA

 «Il grande cammina con i piccoli, il mediocre si tiene a distanza.»

Rabindranath Tagore

Discorsi autocelebrativi del sindaco Enzo Ceccarelli pongono l’accento sull’aumento del turismo a Bellaria I.M. negli ultimi dieci anni. Guarda caso, da quando lui è sindaco.

Sappiamo che i numeri sciorinati sono veri, ma ben più interessante sarebbe conoscere il PIL prodotto dagli alberghi. Quello farebbe capire come va realmente l’economia del turismo.

Quei numeri, infatti, non rispecchiano la realtà del conto economico. Il problema, caro Kaiser, è che nel corso del tempo sono cambiate le cose, in particolare i controlli della Finanza e della Polizia di Stato. Anche il sistema di credito è cambiato: non è più sufficiente il capitale a garanzia, ma si deve dimostrare un reddito in grado di rifondere i finanziamenti richiesti.

E allora piano piano, anno dopo anno, si sono aumentate le presenze fino a eliminare per l’80% il nero. Stranamente le presenze aumentano verso fine stagione. Si vede che qualcuno deve mettersi in riga.

Se mettessimo la tassa di soggiorno le presenze esploderebbero.

Stessa cosa per bagnini e chioschisti, ma se andiamo a guardare il commercio le cose cambiano. Negli ultimi anni per una attività che apriva, due venivano chiuse. Infatti nell’isola dei platani ci sono sempre più saracinesche abbassate. O Lei, signor sindaco, non se n’è accorto?

In una città dove l’economia funziona le attività non chiudono, si trovano i negozi aperti; bei negozi. Da noi sono ben pochi i bei negozi in cui fare shopping.

Vada a fare un giro per le città limitrofe invece di starsene barricato nel suo bunker, vedrà che il livello generale dei negozi è più alto che da noi. Se poi alza gli occhi vedrà alberghi migliori dei nostri (a parte quei cinque sei che realmente si possono definire alberghi).

Vedrà che lì l’economia turistica funziona davvero e i fatturati aumentano sul serio. Guarda caso tutte le altre città balneari della nostra riviera non hanno entità simili a Verdeblu. Lì l’iniziativa è privata, non “telecomandata” dall’amministrazione come avviene da noi tramite Verdeblu.

Sarebbe ora di abbandonare i toni trionfalistici, chinare la testa, cospargerla di cenere e chiedere scusa alla città.


RIPRODUZIONE VIETATA © BELLIGEA.IT

Il Direttore Giuseppe Bartolucci