CI RISIAMO, MADAMA LA MARCHESA…

Le gaffes sono sempre in agguato, così come le “bonizzate”. Bellaria Igea Marina e l’ing, Bonito: un matrimonio che non s’aveva da fare (parafrasando i Promessi Sposi).

Da quando Bonito presta servizio anche a Riccione, le cose hanno preso una brutta piega. Tanto per cominciare, non ha lasciato nessun avviso degli orari in cui è presente, e questo sta provocando molte lamentele per il disservizio (però lo stipendio lo prende ugualmente). Chissà come sarà entusiasta Ceccarelli del comportamento del suo pupillo!

Sembra anche che dopo essersi garantito un bel tenore di vita per tanti anni, adesso ci stia sputando sopra. Vorrebbe andarsene di corsa da Bellaria. Il motivo? Semplicissimo: se, per caso, nelle varie inchieste (di cui si vocifera) della Procura su Bellaria, entrasse il suo nome e Bonito fosse ancora un dirigente del Comune, potrebbe finire ai domiciliari. Quindi è comprensibile che voglia evitare una situazione che lo danneggerebbe anche nel nuovo incarico a Riccione.

Poi dicono in giro – voci riccionesi – che apprezzi molto i dipendenti del Comune di Riccione. Come a voler far capire che quelli di Bellaria sono un po’ scarsini. Ma qui casca l’asino (e come sempre si fa male). Se i suoi sottoposti non sono all’altezza, la colpa è del dirigente che non ha saputo istruirli, e viene da domandarsi il perché ciò sia avvenuto.

E veniamo all’altro punto dolente: quello dei dipendenti comunali, che secondo il Sindaco Ceccarelli, non hanno nessun problema. A noi risulta l’esatto contrario, ad esempio le rotazioni degli incarichi fatti senza metodo: in alcuni uffici sì in altri no. E, stranamente, non sono state fatte in quegli uffici che l’ANAC ritiene più a rischio di corruzione.

Poi ci sono le richieste di mobilità, che sono molte. Anche questo fatto è piuttosto strano, visto che nella maggioranza dei casi sono bellariesi. Che si stia così male negli uffici comunali? Il Sindaco ha rifiutato la richiesta dei 5 Stelle di istituire una commissione per ascoltare i malumori dei dipendenti. Secondo il Sindaco va tutto bene. Sembra che le richieste di mobilità riguardino soprattutto i funzionari, in particolare quelli del settore edilizia.

Che vadano pure! Non per sminuirli, anzi, il fatto è che tra i nostri assessori e consiglieri, abbiamo tanti tecnici di grande esperienza che possono tranquillamente sostituirli, visto che sono sempre negli uffici, anche se non si sa se come tecnici o consiglieri. Con Giovanardi, Monticelli, Giorgetti, Tonini, guidati da colui che non prende lezioni, ma le dà. Maggioli: siamo veramente ai vertici.

Se queste informazioni sono giunte fino a noi, com’è possibile che il Sindaco Ceccarelli non ne sappia niente? Oppure non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire? In ogni caso, come fa il Sindaco a dire “va tutto bene madama la Marchesa”?

E per non farci mancare niente, abbiamo anche un “chi l’ha visto?”. La nuova funzionaria all’edilizia, dopo la presentazione, sembra scomparsa nel nulla. Proveniente da Riccione e scelta dall’ineffabile ing. Bonito (chissà come mai, proprio a Riccione…). In realtà è un problema burocratico, poiché chi deve firmare per la mobilità è assente. Leggasi il prode Cecchini.

Dopo la tragedia del povero Sebastiani, la città sembra essersi dimenticata che abbiamo: il Sindaco Enzo Ceccarelli indagato; un enorme problema con il Centro congressi; un mercato ittico che diverse voci raccontano in seria difficoltà; un Poloest che non si sa come sia messo e, infine, il più grosso dei problemi: la spiaggia. Ma tutto tace e tutti sembrano addormentati. Ma secondo il Sindaco ceccarelli “va tutto bene”.  Anzi, se ne vanta anche!

Il Direttore Giuseppe Bartolucci