THE OTHERS: Una bella realtà cittadina!

 

others 4

 

La band bellariese dei fratelli Riccardo e Leonardo Acciarri, Massimo Lazzarini, Christian Sacchetti, ovvero “The Others”,

ieri sera, giovedì tredici aprile ha presentato al Teatro Astra di Bellaria Igea Marina Il loro cd di debutto dal titolo “21st Century Decline”, riproponendo dal vivo le dodici tracce che costituiscono questo piacevole concept album dalla tematica impegnativa. Il palco non è stato sufficiente a intimidire i settant’anni o poco più  dei quattro giovanissimi musicisti che hanno calcato la scena con impavida naturalezza, accogliendo il consenso del numeroso pubblico accorso per l’occasione. La band sorretta stupendamente dalla fascinosa esuberanza del frontman, cantante chitarrista “Richie Marat” Acciarri e dal fido e impeccabile Leonardo al basso, ha espresso un sound che fa ben sperare nel futuro di questa bella realtà musicale della nostra città che dovrebbe andarne fiera, tutto ciò  nato appunto dall’idea e dall’affiatamento dei due fratelli Acciarri, uniti quanto mai nella vita e negli interessi culturali; una fresca ventata di giovinezza ed un’ondata d’entusiasmo complessivamente ben sorretta da una discreta preparazione tecnico-strumentale. Non meno è da considerare l’apporto della chitarra solista di Massimo Lazzarini, figlio del noto “Naci” e dalla batteria di Christian “Sad Sacks” Sacchetti che hanno svolto con disinvolta bravura la loro mansione.  Si tratta di un lavoro “di “rock-pop” accattivante dai testi impegnati, sulle attualissime problematiche giovanili; drammi e speranze interpretate positivamente nei confronti di una realtà, spesso ostica e incomprensibile. Il cd contiene dodici tracce tutte originali di cui una sola in italiano, frutto dell’ingegno e della passione per la musica di questi virtuosi ragazzi.

others 7

 

Cultura musicale che abbraccia diversi stili all’insegna dell’armonia. Si parte dall’hard-heavy-pop di “Freedom”, all-hard-wha-wha hendrixiano di “Just A Dream”, nonché al regtime dalla reminiscenza “Police” di “Dancing With Myself “, caratterizzata dal basso di Leonardo “Leo Achrist” Acciarri, quindi alla ballata pop, emanata dal bel canto di Riky Acciarri di “Panic Song” per passare all’impreziosimento della byrdsiana “Polly Pokes Paul” aperta da un’ariosa chitarra, il pop funkizzato della title track “21st Century Decline” segna la metà del percorso. Si riparte con il rock-vaudeville di “Be Bop A Lula Rock’n Roll”, mentre l’heavy-pop di  “Here I Go” con la citazione all’inno nazionale di “Boot Shaped Land” mettono in mostra le doti strumentistiche di “Max” Lazzarini. La sognante ballata soft-psych “It’s All Over”, rilassa per un attimo con qualche marcatura, il percorso e la narrazione ai temi; la recitazione e la chitarra acustica del country-folk di “Stream Of Consciousness” all’insegna della nostalgia preludono al gran finale di “Ciò che Inferno non è”, un inno alla vita e alla positività verso il futuro. Bella serata che stimolerà sicuramente il pubblico a seguire il gruppo nelle prossime uscite e ad acquistare il cd. Il messaggio è stato dato: – Bravi ragazzi!

Pierdomenico Scardoviranina picciina

foto di Villiam Giorgetti

Pierdomenico Scardovi