Il degrado del parco “Sentieri sull’Uso”

 

IMG_2099Da qualche anno mi capita, purtroppo meno spesso, di poter passare lunghi periodi a Bellaria, quindi mi limito a vivere la città dove sono nato e cresciuto da turista.
Il nostro territorio, purtroppo per sua natura e per la cementificazione selvaggia degli anni ’60, non offre grandi scenari naturalistici, sebbene il nostro mare rappresenti per me una sorta di meraviglia del mondo.
Unica eccezione è, a mio parere, l’area del parco “Sentieri per l’Uso”, che ti trasporta, a pochi minuti dal caos balneare, in una sorta di calma bucolica, sia per l’effettiva quiete, sia per la bellezza di questa zona fluviale.
Frequento questo parco molto spesso, sia per farci delle camminate, che per qualche corsetta di tanto in tanto.
Quest’estate ci sono andato tre o quattro volte ed in queste mie visite mi si e’ stretto il cuore. Ho notato come il verde e la fruibilità del parco vengano curati molto raramente, rendendo a volte impossibile il proseguimento sull’argine a causa dell’erba alta e delle piante in crescita incontrollata.
La nota ancora più dolente è il degrado a cui sono lasciate le strutture del parco, dalle insegne divelte, ai lampioni non funzionati, passando per la non manutenzione della segnaletica.
La zona dei giochi per i bambini nella parte sud, é diventata un laboratorio di street art a discapito delle strutture. Il prato in queste zone, è poi diventato un ricettacolo di rifiuti lasciati incivili dopo il pic-nic domenicale.
Non é chiedere tanto, basterebbe qualche ora in più da parte del servizio di verde pubblico, un piccolo investimento da parte del comune, per ripristinare il parco e la segnaletica, ed eventualmente qualche passaggio giornaliero della polizia municipale.
Non penso che siano risorse irreperibili, la zona intorno al parco è stata asfaltata a nuovo poco prima delle elezioni amministrative e, forse, qualche Euro investito sul verde pubblico, non sarebbe poi speso male.
Non mi piace fare dietrologia e non voglio suggerire come spendere meglio i soldi pubblici, perché potrei scrivere un trattato, ma in questo caso sarebbero soldi spesi bene.
Questa zona é bella, non lasciamola all’incuria, mi piacerebbe avere il parere dell’assessore all’ambiente.

Nico Cappelluti

Il Direttore Giuseppe Bartolucci