Voci dalla città

megafonoE’ interessante ascoltare le chiacchiere di paese, sembra che, a detta di qualcuno, questo giornale ed io in particolare, rompiamo il c….  a tutti, che non se la finisca mai, ma sembra,udite udite, che queste cose vengano dette da tutte le forze politiche della città!

La cosa, in tutta sincerità, mi sembra strana, ma tutto può essere e da una parte mi  fa anche piacere, poiché sancisce la mia totale indipendenza, non sono affatto amareggiato né deluso, la politica è questa!

Ho pubblicato comunicati stampa di chiunque, senza nessuna discriminazione, la frequenza dei comunicati non è mai dipesa dalla mia volontà. Piuttosto spesso mi sono ritrovato a correggere errori grammaticali, ortografici e di sintassi, presenti in numerosi comunicati e tutto questo, ovviamente, gratis!

Oggi il politico ti è amico, domani ti può accoltellare alle spalle, ma la cosa non mi fa né caldo né freddo, non ho niente da chiedere al mondo della politica, non sono  ricattabile in alcun modo. Più volte ho sentito voci di denunce di ogni tipo nei miei confronti, fino alla più assurda: “querela per danno elettorale” (?), oppure voci di velate minacce nei confronti di chi mi frequenta, tutte cose di bassa lega, dalla dubbia moralità, passibili (quelle sì) di denuncia e  chiaramente antidemocratiche

Di certo sono tranquillissimo, non avendo mai: offeso, diffamato, denigrato nessuno. Al contrario, avrei avuto io, diverse occasioni per querelare qualcuno, ma se è l’uso della querela a dare autorevolezza, la cosa non m’interessa.

Ho criticato spesso l’amministrazione, ma per fatti, non per ragioni politiche o di natura ideologica, fatti che, a mio modesto giudizio, non erano corretti, ho criticato anche dichiarazioni fatte da politici, usando nel merito le loro stesse parole, inadatte e fuori luogo, poco rispettose nei confronti di tutti i cittadini. Non mi sono mai inventato niente, ma sembra che nessuno accetti le critiche, sono tutti “illuminati” tutti si sentono depositari della verità assoluta! C’è chi mi ha tolto il saluto dopo aver usufruito dello spazio a lui dedicato, la cosa mi fa sorridere!

Non ho mai fatto attacchi personali, ma criticato il ruolo ricoperto e la funzione svolta, al Sindaco Enzo Ceccarelli va il ringraziamento per l’impegno svolto, ma come sempre, nel fare si può sbagliare e forse, una sua maggiore apertura, avrebbe solo fatto bene alla città e a lui stesso. Caro Sindaco, indubbiamente l’impegno c’è stato, avete certamente rimediato ad alcuni errori, altrettanto sono state fatte cose buone e altre le avete fatte meno bene, ecco, magari ammettere alcuni errori le avrebbe dato più autorevolezza, ma dire: “allontaniamo queste persone”, non è stata propriamente una frase felice. Siamo tutti figli di questa città, ognuno ha le sue idee, al di là degli interessi specifici che sono spesso causa di scelte sbagliate e tutti, chi più chi meno,  amiamo la  nostra città.

Altrettanto devo dire, che nemmeno la minoranza ha agito bene, alcuni sprazzi qua e là, ma ben poco ha fatto, se è vero, come è vero che diversi rilievi sollevati da BelligeaNews, solo successivamente sono stati cavalcati dalle opposizioni. Sedere nel Consiglio Comunale per poi fare scena muta, o contrastare la maggioranza  senza valide argomentazioni, non è serio, tanto valeva stare a casa.

Ora mi chiedo: non sarebbe ormai giunto il momento di essere più coesi? Unirci per andare avanti al meglio possibile? Basterebbe e lo dico a tutti, essere più aperti e meno di parte.

Tutti i cittadini sono utili, nessuno può pensare di andare avanti da solo, collaborazione e rispetto, dovrebbero essere gli imperativi di ognuno.

Non tifo per nessuno, vorrei che, chiunque vincesse le elezioni, governasse nel rispetto di tutti, senza favoritismi, ma nemmeno contro qualcuno.

Il Direttore Giuseppe Bartolucci