Nuovo mercato in Via Dei Saraceni – 3° articolo –

Considerazioni aggiuntive

250px-International_Criminal_Court_logo.svgLa Redazione provvede, come precedentemente assicurato, all’ulteriore sviluppo dell’argomento; ciò con considerazioni aggiuntive: queste ultime, probabilmente, non ultime.

 

 

                                      _______________________

  Occorre presente altresì per il relativo puntuale rispetto da parte del gestore, l’art. 9) del Regolamento che cosi, nello specifico, recita ”L’ente Gestore deve garantire il servizio di sorveglianza e custodia delle strutture, impianti e attrezzature, con personale proprio o con ricorso a impresa specializzata”.

Normalmente, e qui si vuole essere solo normali (e non è poco!), si intende:

– per sorveglianza: controllo a scopo cautelare;

– per custodia: è  la cura affidata all’addetto alla custodia di vigilanza.

La custodia, di regola, deve essere esercitata senza soluzione di continuità; conseguentemente e per l’effetto va individuato, di necessità, non solo il soggetto custode con tutti gli oneri e gravami del caso ma, anche, il sito che consenta l’effettività della custodia medesima.

Per quanto riguarda il Servizio di Cassa all’interno del Mercato (art. 12 del Regolamento) si prevede, in via del tutto semplicistica, che il Servizio stesso deve essere affidato ad Istituto Bancario; ok: ma con quali modalità, con quale disciplina, a quali condizioni?

Silenzio assoluto, in proposito, negli atti qui in trattazione! Ma perché? Forse per consentire la trattativa privata diretta tra Gestore ed Istituto Bancario? Nooooo: non possibile!!! Va invece espletata una vera e propria gara invitando un congruo numero di Istituti Bancari, perlomeno quelli aventi uno sportello ne territorio di Bellaria Igea Marina.

Infatti il Concessionario, di norma anzi per norma, deve rispettare, per l’affidamento, le stesse regole obbligatorie per il Concedente (Amministrazione Comunale di Bellaria Igea Marina). Quindi, ripetesi, pubblica gara secondo il Codice dei Contratti e relativo Regolamento di esecuzione, con: chiarezza degli elementi, trasparenza, potenziali plurimi offerenti, ecc ecc ecc ed ancora ecc ecc ecc! Diversamente andrebbe a concretizzarsi una violazione di legge con responsabilità del Gestore ma anche, in via solidale, della Pubblica Amministrazione che non ha preteso ed imposto i vincoli procedurali di legge.

L’individuazione procedurale qui, ora, formata e cosi come delineata nel paragrafo che precede, è del tutto conforme a legge e quindi nessun dubbio sulla sua doverosa praticabilità!

Ed ancora, in via principale: le considerazioni di cui sotto; considerazioni tanto semplici quanto gravi nel loro contenuto!

Ben poteva il Comune ricercare il Concessionario con gara informale, non impegnativa per l’Ente, invitando almeno 5 (cinque) concorrenti (fattispecie prevista ed ammessa dalle norme vigenti). Ovviamente la ricerca avrebbe consentito di monitorare <l’appetibilità> della gestione su una platea più ampia e la sostenibilità senza spesa alcuna per l’Amministrazione Comunale.

In ogni modo, per non gravare sulla finanza pubblica, era opportuno anzi doveroso, emettere un bando non di sola gestione, ma di: realizzazione del mercato ittico all’ingrosso (su progetto dell’Ente) ed affidamento della relativa gestione.

Anche qui, l’individuazione procedurale formata e cosi come delineata nei due paragrafi che precedono, è del tutto conforme a legge e quindi nessun dubbio sulla doverosa praticabilità! Sic!!!

Da quanto come sopra esplicitato cosi come nei precedenti due articoli già pubblicati emerge, chiaramente, che l’Amministrazione Comunale di Bellaria Igea Marina dovrebbe procedere, con immediatezza, ai doverosi atti di autotutela cosi come previsto dalla legislazione di riferimento; diversamente l’imputabilità dell’evento dannoso potrà essere oggetto di “determinazione” giudiziale presso la Magistratura Contabile!

 ______________________________________

Domenica prossima, possibilmente non oltre, la Redazione provvederà alla pubblicazione del quarto ed ultimo articolo, nel quale si cercherà di sciogliere la riserva sui plurimi e ripetuti <perché>, evidenziati da BelligeaNews nell’articolo di mercoledì scorso.

Il Direttore Giuseppe Bartolucci