L’editoriale: La responsabilità politica

ceccarelliIl Sindaco Enzo Ceccarelli, sta polemizzando con i vari candidati sindaci, e in particolare con il “sistema sinistra” che di fatto, secondo lui, consiste nel non volersi assumere la responsabilità politica, di alcuni fatti accaduti durante il loro Governo della Città.

Ora mi rivolgo al Signor Sindaco: forse può aver ragione, ma perché accanirsi contro Morelli? Lui non ha mai governato! Perché dire al M5S che fa battaglie di sinistra? E’ notorio che M5S non ha mai assunto posizioni di natura ideologica! Perché ancora l’argomento dei debiti fuori bilancio dopo 5 anni di governo? Ormai è storia vecchia e raccontata anche male. Non sarebbe meglio ci parlasse dei suoi programmi futuri? O la sua campagna elettorale si basa sulla denigrazione degli avversari? Il suo pensiero politico è tutto basato nel rivangare gli errori altrui? Viene da chiedersi se veramente lei è convinto di essere infallibile…. perché nonostante errori evidenti, non risulta che lei li abbia mai ammessi.

A cosa serve tirare in ballo Nando Fabbri sull’aeroporto? Il quale, inoltre, non risulta nemmeno indagato? La questione riguarda forse l’Amministrazione del nostro Comune?

Può aver ragione, Signor Sindaco, quando parla del pensiero unico della sinistra dei tempi passati, ma dalle sue parole astiose verso gli avversari, dalle parole che si sentono pronunciare da certi consiglieri di maggioranza e, infine, da certi candidati nelle liste che la sostengono, sembra che il pensiero unico sia passato dalla sinistra a voi, cosi, magicamente, senza nemmeno pagare dazio.

Non è poi chiara la storia delle infiltrazioni malavitose, mi scusi Signor Sindaco, ma se lei è a conoscenza di notizie acclarate e  preoccupanti in materia delinquenziale, farebbe bene a comunicarlo ai cittadini o, forse, sarebbe ancor meglio tacere, per non allarmare la città e andare direttamente alla procura della repubblica,  affermazioni come queste, potrebbero altrimenti apparire solo strumentali, più da campagna elettorale che altro.

Tutta questa sua animosità nell’attaccare gli avversari, invece di parlare del suo programma, fa pensare che lei sia, quantomeno, un po’ preoccupato.

Ma torniamo alla responsabilità politica, ponendo un esempio teorico, se lei venisse colto in fallo da una qualsiasi autorità, che rilevasse degli atti illegittimi  commessi dall’amministrazioni di cui lei, come Sindaco, è responsabile, lei cosa farà?

Perché vede Signor Sindaco, assumersi la responsabilità politica quando si è colti in fallo, significa dare le  dimissioni!

Questo, ovviamente, leggendo le sue dichiarazioni, in cui Lei si dice pronto ad assumersi la responsabilità politica di tutto quello che ha fatto come Sindaco.

Il Direttore Giuseppe Bartolucci