L’intervento dell’Istituto Regionale per i Beni Artistici e Culturali

arton15697L’Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna esprime profonda disapprovazione e forte biasimo per la scelta, operata dall’ Amministrazione Comunale di Bellaria-Igea Marina, di smantellare e rimuovere il monumento intitolato “PASSATOPRESENTE”, collocato fin dal 1979 nei pressi dell’ edificio della Residenza Municipale.

A questo proposito, si sottolinea la gravità di un provvedimento ‘soppressivo’, che ha visto coinvolto un manufatto artistico del nostro tempo, realizzato da un valente scultore italiano come Luigi Poiaghi e dal forte significato simbolico sul tema della libertà.

Il monumento era risultato vincitore di un concorso nazionale, bandito dal Comune di Bellaria nel 1978, avente come oggetto l’ “esaltazione dei valori, della lotta e dei sacrifici sostenuti per l’Indipendenza e la Liberazione del nostro Paese”; e a tale opera era stato riconosciuto – da un’ autorevole commissione composta anche da un esponente dell’allora Soprintendenza alle Gallerie di Bologna – di saper trasmettere appieno i richiami storici e le ragioni etiche espresse nel bando, nonché capacità di abbellimento della coeva architettura municipale e del suo immediato contesto ambientale.

Alla viva preoccupazione per eventuali, possibili danni o manomissioni arrecati al monumento, data la complessità della sua costituzione (si ricorda che su un vasto piano in cemento diviso in 64 quadrati, in ognuno dei quali sono impresse sagome di orme umane, era collocata una forma metallica dal profilo di grande gabbia contenente una ‘cascata’ di pietre provenienti dal letto del fiume Marecchia), non può che unirsi un profondo senso di turbamento per un atto che di fatto cancella la funzione di memoria storica dell’opera d’arte originariamente collocata, non a caso, nel cuore della vita cittadina.

Pertanto, l’istituto per i beni culturali auspica che l’Amministrazione Comunale di Bellaria-Igea Marina voglia riconsiderare la scelta operata, nel rispetto di quelle ragioni della tutela e della conservazione che dovrebbero pienamente e direttamente riguardare anche il monumento “PASSATOPRESENTE” dell’artista Luigi Poiaghi, che figura tra le principali sculture all’aperto censite ed inserite del Catalogo Generale del Patrimonio Culturale dell’Emilia-Romagna.

 

Il Direttore Giuseppe Bartolucci