Sottopassi

IMAG0168Passeggiando per Via Panzini ho guardato i lavori del cantiere (uno stralcio del grande cantiere cittadino preelezioni) . Ho notato che emergevano frammenti di mattoni  dalle parti del commerciante di scarpe Giordano e più in giù poco distante dal  nuovo sottopasso pedonale che stanno costruendo.

In estate per raggiungere il mio bagno (il 38) mi servo assieme ai miei nipotini dell’antico sottopasso pedonale di Via Metauro. Un sottopasso assai bellino (anche se qualche idiota dipinge graffiti) tutto in mattoncini a vista che però ha la sua bella funzionalità. C’è anche una fontanella all’uscita via mare.

Mi sono venuti in mente i racconti che alcuni anziani mi facevano dei due sottopassi (uguali a quello di Via Metauro) nel tratto fra i due passaggi a livello di Bellaria Centro.

Con grande tristezza ho pensato che questa giunta (che distrugge i monumenti) e anche le precedenti non si sono mai posti il problema di recuperare questi sottopassi, che forse potevano nuocere agli interessi di pochi  ma che avrebbero fatto tanto bene al resto di una città che ha poco rispetto per la propria storia e la propria memoria. Purtroppo solo dai noi la cultura del recupero è inesistente. Se avessero trovato un reperto romano avrebbero sicuramente dato ordine di ricoprirlo.

Così vanno le cose ma noi fatichiamo a rassegnarci a questo andazzo.