MUSICA SENZA: “Vento” – “Passatopresente”

 

Vento

 

 

PARLIAMO DI UOMINI IN QUESTO SENSO PARLIAMO DI EROI

PARLIAMO DI UOMINI IN QUESTO SENSO PARLIAMO DI EROI

PARLIAMO DI UOMINI IN QUESTO SENSO PARLIAMO DI EROI

PARLIAMO DI UOMINI IN QUESTO SENSO PARLIAMO DI EROI

PARLIAMO DI UOMINI IN QUESTO SENSO PARLIAMO DI EROI

PARLIAMO DI UOMINI IN QUESTO SENSO PARLIAMO DI EROI

PARLIAMO DI UOMINI IN QUESTO SENSO PARLIAMO DI EROI

PARLIAMO DI UOMINI IN QUESTO SENSO PARLIAMO DI EROI

PARLIAMO DI UOMINI IN QUESTO SENSO PARLIAMO DI EROI

PARLIAMO DI UOMINI IN QUESTO SENSO PARLIAMO DI EROI

PARLIAMO DI UOMINI IN QUESTO SENSO PARLIAMO DI EROI

PARLIAMO DI UOMINI IN QUESTO SENSO PARLIAMO DI EROI

PARLIAMO DI UOMINI IN QUESTO SENSO PARLIAMO DI EROI

PARLIAMO DI UOMINI IN QUESTO SENSO PARLIAMO DI EROI

 

 

dall’opera “Passatopresente” di Luigi Poiaghi

15-05-2014-  qualsiasi tipo di distruzione/modificazione della forma e della materia non impedisce al pensiero di volare alto e libero nella memoria di quelli che hanno compreso le ragioni delle scelte del suo artista. Da oggi la “gabbia dei sassi” non è più fra noi, ma nonostante il suo evitabile “sacrificio” è possibile trarre l’insegnamento che al di là della “bellezza  estetica”, la materia assemblata può andare oltre, inglobare e veicolare nella sua natura più intima, valori e significati universali. qui qui

Mai come ora vale la frase di Mario Merz: “Se la forma scompare la sua radice è eterna”

Grazie dell’attenzione

rano 2Pierdomenico Scardovi

 

 

 

 

 

 

 

 

Pierdomenico Scardovi