Uno sguardo alla McLaren 650S

I boss di Woking l’hanno chiamata 650S ed è la nuova McLaren che verrà ufficialmente presentata al Salone dell’Auto di Ginevra. Sarà più cattiva della “sorellina” Mp4/12C ma più mansueta della “sorellona” P1.

05_mclaren_650s_coupe-U202073405251mMB-U8089041219Mh-620x349@Gazzetta-Web_articolo 

Nel corso della sua storia McLaren ha costruito solo 6 vetture sportive stradali. Si parte dal 1969 con la M6GT e la M12GT. Dopo anni, nel 1993, si arriva a quella che è universalmente conosciuta come una pietra miliare della tecnologia automobilistica, la McLaren F1. Nel 2004 se ne escono, in collaborazione con Mercedes, con la SLR per poi tornare in proprio, nel 2009, con la MP4/12C.  Ma la più recente di tutte è la P1, prima hypercar ibrida del marchio che ha inaugurato, tra l’altro, un nuovo corso progettuale.

La settima – e di certo non ultima – creatura uscita da Woking si chiama 650S, sigla chiamata a sintetizzare le sue caratteristiche tecniche: 650 i cavalli che albergano sotto il cofano, gentilmente offerti dallo stesso V8 biturbo 3.8 di cilindrata della MP4/12C. La S, come facile intuire, dovrebbe stare per Sport, sottolineando le numerose modifiche apportate all’aerodinamica, alla trasmissione e all’handling. Questa 650S è stata sviluppata in collaborazione con il pilota di Formula 1 Jenson Button e, a detta della stessa McLaren, sarà più coinvolgente e piacevole rispetto alla 12C.

Davanti è evidente il richiamo alla P1, mentre dietro è tutta la sua progenitrice. Nuovi freni carboceramici, cambio ancor più rapido negli innesti, aerodinamica rivista con un estrattore derivato dalla 12C impiegata nel campionato GT3, nuovo Airbrake, nuovi cerchi e nuovi pneumatici sviluppati appositamente da Pirelli completano il quadro d’insieme. E in abitacolo? Di questi tempi le versioni potenziate derivate da modelli già esistenti tendono a somigliare ad una prigione turca, in nome della leggerezza e delle prestazioni. La Casa britannica – per fortuna o purtroppo – non ha ceduto alla moda, garantendo lusso e comfort a piene mani partendo dalla connettività Wi-Fi, passando per l’impianto di infotainment ed arrivando alla corposa lista optional con cui i fortunati clienti si divertiranno a personalizzare questo gioiello.

Per i dettagli sulle prestazioni, prezzo, varie ed eventuali bisognerà attendere il Salone di Ginevra, in programma dal 6 al 16 marzo prossimi. Quel che già si sa è che in pochi anni a Woking hanno trovato il modo di infastidire la Ferrari anche fuori dai circuiti. Se la Mp4/12C è stata appositamente creata per impensierire la 458 Italia – dalla stessa McLaren elogiata – questa 650S esce per stuzzicare le terga alla 458 Italia Speciale. Gli inglesi sanno bene che superare Maranello sui piani dell’immagine e della prestazione è difficile, ma stanno lavorando duro per dimostrare a tutti che battere i maestri è possibile. O no?

ALESSIO IARDONI

About the Author

ALESSIO IARDONI
Alessio, 24 anni, studente universitario e lavoratore, amante della tecnologia, delle auto, dello sport, della vita sociale. Tanti pregi, altrettanti difetti! M'indiletto a scrivere articoli ed il mio sogno nel cassetto è...impegnarmi per realizzarlo!