L’ennesima Ferrari dei record: 250 Testarossa battuta a 39 milioni di dollari.

Alla faccia della crisi, voluta o imposta che sia. C’è ancora qualcuno, da qualche parte nel mondo, che può permettersi il lusso di uscire di tasca 39 milioni di dollari per una vettura d’epoca. Ma non una vettura d’epoca qualunque. 

L’auto in questione è infatti una Ferrari 250 TestaRossa del 1957, la celebre “barchetta” uscita dalla matita di Sergio Scaglietti equipaggiata con un V12 di 3 litri da 290 CV in grado di far raggiungere, agli 800 kg della vettura, una velocità massima di 260 km/h. E’ stato battuto, ad un’asta pubblica in Gran Bretagna, il modello con numero di telaio 0704 a ben 29 milioni di €uro. Avevamo già parlato di aste che hanno avuto per oggetto modelli del Cavallino Rampante: una 250LM del 1964 (qui) battuta a 14,3 milioni di dollari ed una rarissima 250 GTO del 1957 (qui) a ben 52 milioni di dollari.

Le statistiche di Autoblog ci narrano che questa TestaRossa è l’automobile più cara mai passata di mano nel corso di un evento pubblico. A giustificare la cifra sborsata hanno contribuito non solo criteri di conservazione ed esclusività, ma anche il curriculum al seguito del modello. Il suo palmarés, infatti, annovera 3 mondiali marche (1958, 1960 e 1961), l’aver preso parte alla celebre 24 Ore di Le Mans (edizione 1956 e 1958), l’aver vinto la 1000 km di Buenos Aires e la 24 Ore di Sebring 1958 (in entrambi i casi con al volante Phil Hill e Peter Collins) ed il fatto che i maggiori esperti collezionisti di modelli storici del Cavallino la inseriscono fra le 5 migliori Ferrari esistenti al mondo. Il pedigree agonistico è impreziosito da un’attività Made in USA durata sino al 1967, anno in cui venne donata all’Henry Ford Museum di Dearborn dove rimase gelosamente custodita per ben 30 anni. Il facoltoso neo-possessore, ovviamente rimasto anonimo, ha acquistato l’esemplare dall’altrettanto facoltoso Eric Hereema, imprenditore e collezionista olandese.  Le pratiche burocratiche della vendita sono state seguite da una società del Derbyshire specializzata in vendite di auto di assoluto prestigio.

Riassumendo: pedigree sportivo di assoluto rilievo, stato conservativo originale (non è mai stato effettuato intervento alcuno di restauro), esclusività e blasone del marchio sul cofano: tre elementi che hanno contribuito a giustificare il prezzo con il quale questa Ferrari 250 TestaRossa è stata ceduta – che per inciso è il più alto fatto registrare da un prodotto TR di Maranello.

ALESSIO IARDONI

About the Author

ALESSIO IARDONI
Alessio, 24 anni, studente universitario e lavoratore, amante della tecnologia, delle auto, dello sport, della vita sociale. Tanti pregi, altrettanti difetti! M'indiletto a scrivere articoli ed il mio sogno nel cassetto è...impegnarmi per realizzarlo!