Comunicato stampa del comune; sulla sentenza al Consiglio di Stato favorevole al Comune

L’Amministrazione Comunale comunica ed accoglie con soddisfazione il pronunciamento del Consiglio di Stato in merito al ricorso del Comune di Bellaria Igea Marina relativo alle istanze del Consigliere Moris Calbucci sul tema dell’accesso alla documentazione amministrativa della Società Verdeblu: il Consiglio di Stato ha infatti accolto pienamente il ricorso del Comune.

La sentenza del Consiglio di Stato è chiara, netta e definitiva, e rigetta integralmente le richieste avanzate dal Consigliere Calbucci.

In particolare, si legge nella sentenza del Consiglio di Stato, “la Srl Verdeblu deve essere considerata un soggetto privato”, specificando che il diritto di accesso finalizzato all’espletamento del mandato di consigliere comunale “può riguardare gli uffici comunali, le aziende speciali e le società di gestione di servizi pubblici in cui il Comune abbia partecipazione totalitaria oppure maggioritaria, ma non può investire attività di altri soggetti o enti, soprattutto di natura privata le cui attività sono coperte innanzitutto dal diritto alla riservatezza.”

Già la sentenza del Tar del marzo 2013 confermava nella sostanza la bontà della linea seguita dall’attuale e dalle precedenti amministrazioni, negando la fondatezza della pretesa avanzata dal Consigliere Calbucci di avere accesso alle fatture emesse.

La sentenza del Consiglio di Stato si spinge oltre, sancendo in maniera lapidaria ed inequivocabile la piena legittimità e la correttezza del comportamento tenuto in questi anni dall’Amministrazione Comunale e dalla Società Verdeblu: soprattutto, vengono smantellate definitivamente le illazioni, le interpellanze e le dichiarazioni con cui il Consigliere ha reiteratamente messo in discussione, in questi anni, quella trasparenza e quella correttezza da parte dell’Amministrazione Comunale che il Consiglio di Stato oggi sancisce.

Sentenza integrale_Consiglio di Stato

Il Direttore Giuseppe Bartolucci