E la nostra qualità qual’è?

barca sulla spiaggiaDall’inchiesta  “QUALITA’ DELLA VITA” del Sole 24 Ore Del 2013 si evince con preoccupazione il forte calo della provincia di Rimini nella graduatoria dal 4° posto al 27°.

L’analisi si sviluppa su 36 parametri che si sviluppano in 5 parti principali

TENORE DI VITA (PIL PRODOTTO,I RISPARMI, LE PENSIONI, I CONSUMI, L’INFLAZIONE E L’ABITAZIONE)

AFFARI E LAVORO (SPIRITO DI INIZIATIVA, LA PROPENSIONE A INVESTIRE, I FALLIMENTI, L’EXPORT, LE DONNE OCCUPATE, LKE START UP INNOVATIVE)

SERVIZI, AMBIENTE E SALUTE  (LE INFRASTRUTTURE, LA PAGELLA ECOLOGICA, IL CLIMA, LA SANITA’, LE  STRUTTURE PER I PIU’ PICCOLI, LA VELOCITA’ DELLA GIUSTIZIA)

POPOLAZIONE   (LA DENSITA’ DEMOGRAFICA, IL TASSO MIGRATORIO, LE COPPIE IN CRISI, I GIOVANI, INVESTIMENTO IN FORMAZIONE, GLI STRANIERI)

L’ORDINE PUBBLICO  (MICROCRIMINALITA’ E RAPINE, GLI APPARTAMENTI SVALIGIATI, FURTI D’AUTO, LE ESTORSIONI, LE FRODI, ILTREND DEI DELITTI TOTALI)

IL TEMPO LIBERO (LIBRERIE, SALE CINEMATOGRAFICHE, RISTORAZIONE E BAR, CONNESSIONI VELOCI, IL NON PROFIT, INDICE SPORTIVITA’-FORMA FISICA)

Da tuttologo quale io sono (la cosa è ormai ufficiale), ho voluto esplicitare tutti i campi di indagine perché li ho trovati molto utili e mi sono chiesto che uso ne stanno facendo gli amministratori pubblici di questi importanti dati.

C’è un solo limite: purtroppo i dati sono su scala provinciale ciò non ci permette di capire la graduatoria della nostra città questo rispetto agli altri comuni della provincia, della romagna, della regione e del paese. Considerato che l’insieme dei dati provinciali devono evidentemente essere arrivati dalle singole realtà locali, se io fossi il Sindaco vorrei questi dati relativi alla nostrà per capire meglio cosa fare nella mia città. Ricordando quel motto “conoscere per deliberare” dopodichè chiamerei i cittadini agli stati generali per un’analisi dei nostri dati comunali per capire dove siamo all’altezza e dove siamo deficitari.

Questa sarebbe quella trasparenza che permetterebbe di stabilire le priorità e decidere insieme ai cittadini  le scelte da fare. Evitando inutili protagonismi, personalismi e clientelismi che finora hanno condizionato le scelte e sprecato le nostre risorse. Io penso che facendo la tara a quanto pubblicato riguardo alla nostra provincia si potrebbero individuare i trend da correggere. Per me Bellaria Igea Marina non è quell’isola felice che molti credono o vogliono credere, per questo evidenziando i punti critici che emergono a livello provinciale dalla ricerca, vorrei far riflettere i nostri lettori se riconoscono Bellaria Igea Marina  nei dati che vado ad evidenziare più sotto.

I dati che si esaminano riguardano tre province, Rimini e le due con le quali ci possiamo confrontare Ravenna e Forli-Cesena, in pratica la Romagna.

Non mi dilungo nell’interpretazione – ognuno si formi la sua idea – dico soltanto che c’è un evidente arretramento anche nei confronti  di Forli-Cesena e Ravenna, tranne pochi settori, esse ci sovrastano in tutto, si possono notare debolezze economiche, sociali, culturali e occupazionali anche sull’ordine pubblico siamo indietro, si evidenzia poi la crescente immigrazione e dati di evasione alti, depositi bancari in calo e sono inferiori anche gli investimenti, mentre siamo forti nei ristoranti, cinema e librerie, e risultiamo poco sportivi. noi qui a Bellaria Igea Marina corrispondiamo a questa fotografia? l’invito è al sindaco se disponesse di dati sulla città vorremmo conoscerli.

Nell’ordine prima Rimini a seguire Ravenna e Forli-Cesena.

RIMINI

rimini 1

rimini 2

RAVENNA

ravenna 1b

ravenna2b

FORLI-CESENA

cesena 1cesena 2

Il Direttore Giuseppe Bartolucci