“Bene Comune” dice la sua sul nuovo passaggio a livello.

Simbolo_Bene-ComuneComunicato stampa di “Bene Comune”.

Da “spostiamola a monte” ad un nuovo/vecchio passaggio a livello!

            E alla fine la montagna della demagogia ha partorito il topolino: dovevano “mandare a monte” la ferrovia, hanno creato un nuovo passaggio a livello. Quella inaugurata stamani in pompa magna dal centrodestra bellariese è la più incredibile infrastruttura che si potesse immaginare, ben oltre il ponte immobile e ben oltre il magazzino di lavorazione dei mitili pomposamente chiamato “pescheria”.

In Italia, in Europa e anche nei paesi del terzo mondo i passaggi a livello si eliminano, per ovvie ragioni. A Bellaria Igea Marina, invece, si inaugurano a prescindere da un disegno complessivo della mobilità.

Si tratta di un costoso gioco di apprendisti stregoni che ben poco cambierà nella intera direttrice mare-monte di tutta Bellaria Igea Marina. Nell’opera “vintage” in prossimità del confine nord del Comune sono stati buttati 1 milione e 650 mila euro, a carico di Comune, RFI e Regione. Sembra quasi che un’intera filiera politica e amministrativa sia impazzita. Si tratta di uno spreco di risorse pubbliche enorme, di un appesantimento infrastrutturale del territorio del tutto inutile. Altro che “mandiamo la ferrovia a monte”: mandiamo a casa chi ha fatto questa scelta, compresa quella lista civica che ha costruito le sue fortune prendendo in giro i cittadini!

Redazione