Ncd/Forza Italia, chissà come finirà qui da noi.

Capire come andranno le cose qui a Bellaria Igea Marina, sembrerebbe non facile.enzo ceccarelli

Aldilà delle dichiarazioni di schieramento, è molto facile che pur litigando tra loro ( è successo anche recentemente) il centro destra bellariese faccia fronte comune mettendo in mostra una solida compatezza, che di fatto sarà solo elettorale, ognuno vuole la sua poltrona e il suo pezzetino di potere.

dalle dichiarazioni che si leggono sulla carta stampata–Mentre nel consiglio comunale di Rimini le scelte sono chiare e dichiarate (tutti i consiglieri sono alfaniani), a Bellaria Igea Marina succede il contrario: nessuno prende ufficialmente posizione. Solo voci in libertà. Ad esempio quelle che vorrebbero con Berlusconi e la rediviva Forza Italia il vicesindaco Roberto Maggioli e l’assessore Filippo Giorgetti. Il resto è gossip: Marzia Domeniconi smentisce di aver già fatto una scelta. «La mia partecipazione, domenica mattina a Riccione, della riunione degli alfaniani provinciali, era solo formale, conoscitiva». Il gossip indica sul fronte opposto sua sorella Maria Laura Domeniconi, presidente del consiglio comunale. Niente di confermato. Neppure Maggioli, forzista della prima ora, conferma: «In vista delle amministrative è bene restare uniti; comunque gli equilibri nazionali non interferiranno con quelli locali». Chi sarà il candidato sindaco? «Sono per la continuità — dice Maggioli —: l’amministrazione ha lavorato bene, a partire dal sindaco. Squadra che vince non si cambia». Questo riporta il Resto del Carlino.

Insomma si sostengono l’un l’altro senza scoprirsi, e da recenti dichiarazioni su Il Nuovo fatte da un consigliere, viene da pensare che tutti si accoderanno a Ceccarelli nuovo “Messia” della politica bellariese, ma voci che girano in città dicono che alcuni consiglieri di maggioranza siano in totale disaccordo con il Sindaco, e recentemente un sondaggio fatto da BelligeaNews sulla soddisfazione dei cittadini sull’attuale amministrazione, ha dato esiti negativi sulla stessa, parecchi sono delusi e molti non la rivoterebbero.

Il Direttore Giuseppe Bartolucci