Mercedes Italia attacca il Governo italiano

E’ stata da poco varata la manovra dal Governo Letta ed ora si attende l’iter parlamentare per l’approvazione ufficiale. Molti i mal di pancia provocati a tutti i livelli: dai sindacati principali che hanno minacciato scioperi su scala nazionale, passando per l’avvertimento di Confindustria a Montecitorio che tuona “no a porcate”, per finire ai contribuenti che sono da sempre la parte lesa. Mercedes-Benz Italia, nella persona del suo presidente Roland Schell, lamenta l’assenza di provvedimenti per quel che riguarda il suo settore.

1300269836603_2b54dcc0ca8632483be1fc19d1136a80

Roland Schell, Presidente MB Italia

“Vogliamo essere tra i protagonisti della ripresa economica italiana”, afferma il direttore generale, ma “purtroppo ancora una volta gli interessi dei nostri clienti e dei partner della filiera sul territorio sono i grandi assenti dai provvedimenti presi dal Governo per il rilancio dell’economia”. Non c’è niente infatti ‘”in tema di norme e fiscalità dell’automobile”. “Nessuna misura – sottolinea Schell – che prenda in considerazione un settore che rappresenta circa l’11% del PIL e che, nel 2012, ha generato 72,7 miliardi di euro di entrate fiscali, pari al 17% del totale delle entrate fiscali”.

“Tutto il mondo dell’automobile chiede stabilità e vogliamo essere tra i protagonisti della ripresa economica italiana. Per questo motivo portiamo sul mercato prodotti e servizi innovativi,” prosegue Schell. “Penso ai nostri motori amici dell’ambiente e del fisco, di piccola cilindrata dai consumi ridotti ma performanti, e ad iniziative come car2go, il car sharing innovativo, che ha riscosso un grande successo a Milano. Proprio car2go è la dimostrazione del ruolo che possiamo giocare ripensando la mobilità a 360 gradi”.

Parole condivisibili da parte della dirigenza Mercedes Italia, che fa quadrato attorno ai malumori che derivano da una politica improvvisata e riluttante dal risolvere i problemi che affliggono il Paese. C’è da scommettere che da Bruxelles, dove è in analisi la manovra, arriveranno tante belle parole di complimenti per l’operato svolto. Tanto in Italia mica ci stanno loro.

fonte Ansa.it

ALESSIO IARDONI

ALESSIO IARDONI

About the Author

ALESSIO IARDONI
Alessio, 24 anni, studente universitario e lavoratore, amante della tecnologia, delle auto, dello sport, della vita sociale. Tanti pregi, altrettanti difetti! M'indiletto a scrivere articoli ed il mio sogno nel cassetto è...impegnarmi per realizzarlo!