Bellaria Igea Marina, è mancato Carlo Morelli famoso ceramista.

morelli2Commozione in città per la scomparsa di Carlo Morelli aveva 82 anni.

Carlo Morelli, pittore e scultore, titolare per oltre quarant’anni dell’omonimo laboratorio di ceramiche in via Metauro, e del collegato punto vendita in via Adriatico.

I funerali si terranno, alla chiesa del Sacro Cuore di Gesù di Bellaria centro, domani alle 14,30. La salma verrà sepolta al cimitero cittadino, Morelli lascia la moglie Cesarina e la figlia Gabriella.

La figlia Gabriella ricorda con affetto il nomignolo, ‘un pittore chiamato cavallo’, che si riferiva ad uno dei soggetti più ricorrenti nei suoi quadri e nelle sue sculture, è stato cofondatore, insieme a Tonino Pelliccioni e altri, della prima galleria d’arte di Bellaria, la ‘Costa del Sole’. Molto conosciuto o stimato anche fuori dai confini comunali, aveva amicizie tra numerosi artisti contemporanei. Tra i più intimi, il pittore amalfitano Apicella. Di intonazione soprattutto surrealista i quadri; sulle ceramiche, che produceva con le proprie mani.

Dipingeva soprattutto nature morte: alberi, case, soggetti della quotidianità. Vasi, portaombrelli, abat-jour, soprammobili: a migliaia sono stati acquistati da turisti e appassionati di tutto il mondo nel negozio di via Adriatico. «Molti sono stati ordinati e spediti per posta in Europa e anche in altri continenti — ricorda Gabriella —, da Germania alla Francia, dall’Australia agli Stati Uniti d’America».

Morelli ha anche trascorsi americani. Decenni addietro si trasferì per di sette – otto mesi in Texas, per realizzare sul posto le proprie opere in ceramica, commisionate da appassionati statunitensi. Lavori di Carlo Morelli sono ospitati sia nella chiesa di Bellaria centro sia nella chiesa di Bellaria Cagnona. Tra i diversi lavori anche una fonte battesimale. I ‘pezzi unici’ erano firmati da Carlo Morelli. La produzione della bottega, in parte curata dalla figlia, recavano la semplice dicitura ‘Ceramiche Morelli’.

Alla famiglia le più sentite condoglianze della redazione.

Giuseppe Bartolucci

Il Direttore Giuseppe Bartolucci